Rainbow Cup: Treviso concede il bis con le Zebre e vola in classifica

Buon successo della Benetton contro i bianconeri e veneti che si trovano in vetta con tre successi su tre.

Terzo successo consecutivo per la Benetton Treviso, che vince il secondo derby, e si trova da sola in vetta della Rainbow Cup. Vittoria netta e meritata dopo un primo tempo di sofferenza, ma questa volta i biancoverdi sono più cinici di una settimana fa e a inizio ripresa chiudono il discorso, anche se nel finale rischiano grosso.

Buon avvio delle Zebre, che provano a mettere sotto pressione la difesa biancoverde, ma Treviso risponde colpo su colpo e il piede di Hayward fa arretrare gli ospiti. Dopo 5 minuti un fallo permette alle Zebre di andare sulla piazzola con Antonio Rizzi, ma il calcio non arriva tra i pali e nulla di fatto. Insistono, però, i bianconeri ed è falloso Treviso che permette agli ospiti di risalire il campo. Dopo 10 minuti è Treviso a provare a spingere in attacco, ma non riesce a sfondare e ancora nulla di fatto. Al 17’ occasione d’oro per le Zebre con Carlo Canna e Marcello Violi, ma l’ultimo passaggio non riesce e avanti che nega la meta agli ospiti. Touche rubata dai bianconeri sui 5 metri offensivi, ma altra occasione persa.

Insiste a fare la partita la squadra ospite, con la Benetton obbligata agli straordinari in difesa. Al 25’ ancora un fallo ed è Carlo Canna ad andare sulla piazzola e vantaggio dei bianconeri per 0-3. Reagisce Treviso che torna in attacco, ma ancora una volta i padroni di casa faticano a costruire azioni pericolose. I biancoverdi alzano il ritmo e al 33’ Seb Negri libera in maniera fantastica Toa Halafihi che va a schiacciare e meta che vale il vantaggio per Treviso per 7-3. A tempo praticamente scaduto palla che arriva a Monty Ioane che si invola fino in meta per il 14-3 con cui si va al riposo.

A inizio ripresa prova subito la squadra ospite di riaprire il match, calcio alto nei 22, palla che viene raccolta da D’Onofrio al 45’ che schiaccia e meta che riapre la partita sul 14-10. Ma reazione immediata di Treviso che con una bella maul sfondano fino in fondo e Lucchesi schiaccia per il 21-10. Punteggio che si muove al 50’, con Canna che trova tre punti dalla piazzola per il -8. Ma Treviso ha cambiato decisamente ritmo e al 56’ è Padovani a ricevere l’ovale al largo e schiaccia per la meta del bonus e Benetton che scappa via sul 28-13.

Al 65’ ancora una fallo e un perfetto Paolo Garbisi trova i pali per il 31-13. Match che sembra ormai chiuso, ma al 72’ ottima azione di D’Onofrio che libera Biondelli che schiaccia in meta per il 31-20. E al 74′ tutto riaperto quando Violi libera il solito D’Onofrio, placcaggio in extremis di Garbisi, ma l’ala riesce a liberare nuovamente Violi che va in meta per il 31-27 e tutto ancora da decidere a Monigo. Finale infuocato, con le Zebre che devono risalire tutto il campo, ma Hayward recupera il pallone e conquista una punizione a meno di un minuto dalla fine. Va sulla piazzola Garbisi che fissa il punteggio sul 34-27 con cui si chiude il match.

Foto: Ettore Griffoni /LPS

Rispondi