Affari italiani: finisce l’era (fallimentare) di Gavazzi. Innocenti presidente

Con il 56% dei voti Marzio Innocenti ha battuto Paolo Vaccari (40%) e il presidente uscente (votato dal 2% degli aventi diritto!).

È Marzio Innocenti il nuovo presidente della Federazione Italiana Rugby. Il leader dell’opposizione ha battuto nettamente Paolo Vaccari, giunto secondo con il 40% dei voti. Debacle totale per il presidente uscente Gavazzi, che abbandona raccogliendo solo il 2% dei voti al termine di otto anni che hanno portato il rugby italiano a uno dei livelli più bassi, sia da un punto di vista sportivo sia di visibilità e attenzione. Con il neo-Presidente Marzio Innocenti eletti in Consiglio Federale Orlandi (tecnici), Festuccia e Gallina (giocatori), Gualandri, Luisi, Morelli, Musso, Dalto, Menga, Fava (società). Duodo Presidente del Collegio Revisori dei Conti.

Cresciuto nel Livorno, squadra della sua città d’origine, ma padovano di elezione sportiva, Marzio Innocenti ha trascorso gran parte della sua carriera nelle file del Petrarca che dominò la scena italiana negli anni ottanta: con il club veneto Innocenti ha vinto quattro scudetti, l’ultimo nei quali, nel 1986-87, da capitano. In Nazionale ha esordito nel 1981 nel match di Coppa FIRA contro la Germania Ovest a Rovigo; terza linea di affidamento, dispuntando tutti i tornei europei fino al 1986 e fu il capitano della squadra azzurra alla prima Coppa del Mondo in Australia e Nuova Zelanda, nel corso della quale fu schierato in tutti e tre gli incontri disputati dall’Italia. Chiuse la carriera internazionale il 3 dicembre 1988 a Roma contro l’Australia.

Laureatosi in medicina nel 1985 all’università di Padova (e successivamente specializzatosi in otorinolaringoiatria, professione che esercita a Vicenza), dopo il ritiro divenne dapprima allenatore, poi direttore sportivo e medico sociale del CUS Padova; nello stesso periodo fu assistente allenatore del C.T. Georges Coste alla guida della Nazionale italiana. Eletto consigliere della Federazione Italiana Rugby nel 2000 e confermato nelle elezioni del 2004, nel corso delle quali si candidò anche come presidente federale al posto di Giancarlo Dondi, fu successivamente sulla panchina di serie C del Valsugana di Padova, incarico tenuto fino al 2007 con la promozione in serie B.

Nel 2008 ha assunto la guida tecnica della squadra maschile del Riviera di Mira che portò alla promozione in serie A per poi passare nella stagione successiva al Veneziamestre, sua prima panchina in massima divisione, che tuttavia tenne per poche settimane prima di essere esonerato e tornare in corso di stagione alla squadra lagunare, con cui rimase fino al 2011 quando la società rinunciò a iscrivere la propria maschile al campionato.

Un commento su “Affari italiani: finisce l’era (fallimentare) di Gavazzi. Innocenti presidente

  1. Be benvenuta discontinuità – considerando appunto il fallimento degli ultimi 8 anni.
    Curioso di vedere come si comporterà. Sinceramente mi convinceva di più in alcuni punti il programme e le intenzioni di Poggiali, ma c’è da dire che erano abbastanza in sintonia su molte cose.
    Buon lavoro

Rispondi