Sei Nazioni 2021: l’Irlanda sfiora il miracolo, ma il Galles vince

Nonostante l’espulsione di O’Mahoney al 14′ gli ospiti rischiano di battere i britannici che continuano a non convincere.

Si è chiusa con la battaglia di Cardiff la prima giornata del Guinness Sei Nazioni e si è conclusa con la vittoria di un Galles che non convince, ma che supera l’Irlanda colpevole di giocare un match per oltre un’ora in inferiorità numerica per l’espulsione di O’Mahoney.

Parte forte l’Irlanda che mette subito sotto pressione il Galles, ma i padroni di casa difendono bene e obbligano gli ospiti al fallo. Un’altra infrazione dopo quattro minuti manda Liegh Halfpenny sulla piazzola e vantaggio per il Galles. È sempre l’Irlanda, però, a fare il match, con un buon Lowe che mette in difficoltà la difesa dei padroni di casa. All’11’ infortunio al ginocchio per Lydiate, che prova a restare in campo ma deve uscire lasciando il posto a Navidi. Al 14’ entrata di spalla sul volto in ruck da parte di Peter O’Mahony su Tomas Francis e cartellino rosso diretto per la terza linea. Al 18’ placcaggio al collo di Sexton e Halfpenny torna sulla piazzola e punteggio che sale sul 6-0. Continua a leggere su OA Sport.

Foto: Jean Catuffe / DPPI – LPS

4 commenti su “Sei Nazioni 2021: l’Irlanda sfiora il miracolo, ma il Galles vince

  1. Partita ruvida come poche, pochi fronzoli, tanti errori e botte da orbi. Come ha fatto Francis a non “sentire” più di tanto la carezza di POM lo sa solo lui.
    Tra Davies e Burns la sfanga il primo, ma fossi in Pivac (e nella sua mischia) lo appenderei per i pollici in spogliatoio.

  2. Sconfitta che fa girare le palle perche’ gliela abbiamo regalata con una marea di errori da “bona” incredibile, dal rosso di POM al calcio di Burns alla fine le abbiamo fatte tutte per fargleila vincere: Earls con un fallo idiota ed il calcio direttamente fuori dopo che abbiamo rubato un lineout 1 metro fuori dai 22 gli ha tolto le castagne dal fuoco e permesso di restare nei nsotri 22 e da li’ e’ scaturita la seconda meta, un offload folle di ringrose da il la alla prima meta, Sexton che ha mancato una touche da penalty come Burns alla fine che di suo poi ha anche fatto quel crossfield kick oscena ed ha il passaggio di merda dopo il break di ringrose nel finale sulla coscienza…incredibile il numero di vaccate fatto, tutti errori nostri e senza pressione vera che ci costano la partita.
    Gioco: difficile parlarne con 65 minuti in 14 contro 15, quindi soprassiedo.
    Lineout: ne parlo perche’ e’ arrivato POC nello staff su cui nutro qualche dubbio: bene in difesa (da fare la tara pero’ con gli errori gallesi) meno bene in attacco ma anche qua persi Ryan e POM difficile dire qualcosa.

    Singoli:
    Porter, Beirne, VdF, Murray, Henshaw, Keenan avevano fatto una gran partita chi piu’ e chi meno e son quelli da cui ripartire, Ringrose tolta la cavolata che fa partire la prima emta anche bene.

    Burns non vale il livello internazionale, e lo dico da quando l’ha firmato l’Ulster ed ora aggiungo qua sul blog qualcosa che dico fuori onda da tempo: lo si vuole capire che Sexton e’ ormai piu’ lento di un pilone dell’era amatoriale ? Che non ne finisce una senza infortunarsi? Grazie ha dato mollto, tantissimo, se ci fosse una Irish Hall of fame of rugby ci sarebbe dentro di sicuro, am il suo canto del cigno sta diventando pesante come fu quello di ROG…si volti pagina con tanti ringraziamenti.
    POM: stendo un velo pietoso, non e’ la prima azione fallosa assurda che combina questa stagione, che qualcuno gli parli!
    Lowe: la differenza tra il ProCiofeca ed il rugby internazionale si vede e fa capire perche’ non e’ un ABs, non che abbia giocato male, anzi non ha sfigurato ma non e’ e non sara’ quell’arma incredibile che e’ col Leinster.

    Galles: mediocri e senza uno straccio di gioco, devono ringraziarci per aver regalato loro una partita in maniera incredibile.

    1. Sono totalmente d’accordo Stefo, mi chiedevo un paio di cose: la prima è che continuo a non capire come stia gestendo il ricambio generazionale ma non solo di sexton. Per esempio dietro murray, che al momento non è comunque in forma strepitosa, non mi pare si stia provando molto: vogliono arrivare al mondiale con Gibson-park?
      L’altra cosa è che Ringrose secondo me si è un po’ fermato nella sua crescita, forse per qualche infortunio di troppo. Veniva indicato come il nuovo O’Driscoll ma al momento sembra certamente un grande giocatore ma certo non il leader e la stella che forse si aspettavano.
      Infine, continuo a non capire bene cosa sta facendo Catt.

      1. Ciao Alex, su Murray per me negli ultimi 2-3 mesi si e’ tornato a vedere un murray migliore. In termini di rimto o cercare di dare piu’ velocita’ e’ ritornato a buoni livelli quando le ruckdanno palloni giocabili velocemente ed e’ anche tornato a provare I suoi attacchi palla in mano dalla base della ruck. Sabato scorso il suo box kicking non e’ stato un granche’ pero’ al riguardo non ho gorssi dubbi. In termini di futuribilita’ ha ben 4 anni in meno di Sexton, che non son pochi, ma anche a me piacerebbe vedere un po’ piu’ di profondita’. Io non so perche’ Faz non chiami McGrath, sta giocando il suo miglior rugby in questi mesi e si e’ ripreso ilposto da titolare nei confronti di Gibson Park…ecco quando si parla di competitizione, a Novembre Gibson-Park aveva messo dietro McGrath nel LEinster e fu chiamato in nazionale, oggi il contrario…ma Faz tiene il neozelandese che non mi sembra superiore a McGrath.

        C’e’ nel Gruppo Casey che e’ ovviamente quello da vedere nel futuro…e’ nel Gruppo e mi sa che verra’ cappato (a Roma prevedo). Ci sarebbe poi Cooney ma non so cosa dire veramente,all’Ulster e’ tornato a giocare come sa ma viene ignorato, mi domando a sto punto se nei camp e periodi che ha passato in Nazionale magari in allenamento ha mostrato che con I ritmi internazionali non e’ cosi’ efficace.

        Diciamo che forse ad MM ci sono meno scelte giovani su cui scommettere che all’apertura…Harry Byrne,Ross Byrne, Ben Healy, Joey Carbery…ed il vero talento del Munster in accademia Jack Crowley ancora da vedere pero’. Ce ne sarebbe all’apertura che meta’ basta. Poi per me resta anche un punto, io capisco che Sexton voglia provarci,e senza dubbio si vede che di fosforo ne avrebbe ancora da vendere (ma il corpo non esegue con quella velocita’ necessarioa, il vero problema e’ quello), pero’ a quel puntoperche’ non si fa come si fece con Paddy Jackson post RWC15? Tour in SAF da solo con Sexton lasciato a casa a riposare. Inutili cameo da 10 minuti dalla panchina. Che si chiami Harry byrne o Billy Burns non son quei 10-15 minuti a fare l’esperienza. 

        Ringorse: non condivido molto, Domenica scorsa per me ha fatto una gran partita, e’ quasi sempre andato oltre la linea del vantaggio palla in mano, in difesa e’ stato dominante, corre sempre linee di support ottime. Ha fatto la mazzata dell’offload non necessario, ma un errore in una aprtita per me molto buona tenendo conto che il break se non sei aiutato dalla tua apertura nell’aprire un po’ gli spazi e’ dura farlo, e che spesso alcune scelte di gioco che sono sembrate legate alle strutture di Catt son sembrate non aiutare I ¾ a trovare gli spazi. E’BOD? No non lo e’ ma BOD era unico, Ringrose e’ Ringrose e secondo me col Galles ha fatto bene come fa bene quasi sempre col Leinster.

        Chi e’ fermo secondo me come sviluppo, o meglio non ha fatto il passo successivo e’ Larmour,che e’ superato da Keenan ormai come estremo…ecco lui e’ quello che mi preoccupa di piu’ perche’ non sembra crescere come si pensava…per carita’ ci sono ora giovani che promettono bene ma ecco uno che mi brucia che non sia cresciuto e’lui. 

        Catt: detto sopracerte strutture di gioco son sembrate assurde, tantissimo zigzagare nel campo…una fase andando a destra e quella dopo si va da dove si viene e si ripete questo zig-zag assurdo…destra-sinistra, sinistra-destra…difficilmente si e’ visto provare a continuare a giocare la palla nello stesso lato per trovare la difesa magari in ritardo…faccio fatica acapire come si pensi di trovare spazi se si continua a tornare nel lato conmaggior densita’ difensiva…poi per forza vedi lo Stander di turno partire dafermo e non arrivare sul passaggio in corsa e cosi’ diventa duro’ anche vinceregli impatti. 

Rispondi