Sei Nazioni 2021: Francia, il rinforzo si chiama Garcès

Fabien Galthie ha aggiunto allo staff tecnico della nazionale transalpina un personaggio particolare. Cioè un ex arbitro.

“Si gioca con l’arbitro, non contro” ha dichiarato ieri alla presentazione del Guinness Sei Nazioni 2021 Fabien Galthié, il tecnico della Francia. Una dichiarazione che ha concluso la presentazione del rinforzo più inaspettato che i Bleus hanno introdotto per provare a vincere il torneo dopo il secondo posto conquistato l’anno scorso. Parliamo di Jérôme Garcès, l’ex fischietto che di è ritirato dopo aver arbitrato la finale della Coppa del Mondo 2019, che fa parte a pieno titolo dello staff transalpino.

SEGUI MILANO NOIR, LA PAGINA FACEBOOK CHE RACCONTA CRIMINI E CRIMINALI SOTTO LA MADONNINA

“Abbiamo apportato alcune modifiche per la nuova stagione. È la terza competizione che giochiamo insieme. Abbiamo apportato modifiche al programma delle giornate, agli allenamenti e a ciò che sviluppiamo per acquisire un know-how collettivo. Ci sono elementi in cui avevamo problemi e che siamo stati in grado di identificare, per esempio l’arbitraggio. Era qualcosa che forse non abbiamo affrontato con sufficiente precisione l’anno scorso e può avere un grande impatto in una partita. Così oggi abbiamo portato Jérôme Garcès nel nostro staff, è un riferimento in Francia per l’arbitraggio e vive con noi e ci dà la sua visione del gioco che ci permette di capire come possiamo migliorare il nostro rugby con l’arbitro. Si tratta di giocare con l’arbitro, non contro” le parole di Galthié.

La Francia, infatti, nello scorso Sei Nazioni è stata la peggiore del lotto parlando di disciplina. Nessuna nazionale ha preso tanti calci di punizione contro come i Bleus, che hanno anche ricevuto quattro cartellini gialli e uno rosso. Insomma, sopperire all’indisciplina è diventato fondamentale per una squadra che ha mostrato grandissimo talento in campo e con Garcès potrebbe arrivare il salto di qualità che mancava.

Foto: Jean Catuffe / DPPI – LPS

SEGUI MILANO NOIR, LA PAGINA FACEBOOK CHE RACCONTA CRIMINI E CRIMINALI SOTTO LA MADONNINA

Rispondi