Autumn Nations Cup: Italia, è l’ora di Monty Ioane

La forte ala di origine samoana è stato ufficialmente convocato in vista del match contro il Galles di sabato.

Un cielo plumbeo e la presenza di una leggera pioggia – a fasi alterne – hanno fatto da cornice all’allenamento mattutino della Nazionale Italiana Rugby presso il campo 1 del Centro di Preparazione Olimpica Giulio Onesti di Roma. Gli Azzurri hanno eseguito prima una seduta collettiva per poi dividersi in reparti. Nel pomeriggio la rosa guidata dal Capo Allenatore azzurro Franco Smith proseguirà in palestra – con allenamenti divisi per gruppi – la preparazione verso il quarto ed ultimo impegno dell’Italrugby nella Autumn Nations Cup valido per il quinto posto nel torneo in calendario sabato 5 dicembre alle 16.45 locali (17.45 ITA) contro il Galles al Parc Y Scarlets di Llanelli.

Prima convocazione ufficiale per Montanna “Monty” Ioane. Il trequarti del Benetton Rugby, classe 1994 e presente come invitato sia al raduno in corso che nei precedenti raduni della Nazionale Italiana Rugby – che gli hanno concesso di integrarsi al meglio con il gruppo e assimilare il piano di gioco dello staff azzurro – diventa ufficialmente eleggibile per l’Italrugby e potenzialmente a disposizione per un eventuale inserimento nella lista gara dell’ultimo match della Autumn Nations Cup in programma sabato prossimo a Llanelli contro il Galles.

“Contro la Francia siamo consapevoli che in alcuni momenti del match non siamo stati abbastanza lucidi – ha esordito Niccolò Cannone, seconda linea della Nazionale – concedendo spazi ai nostri avversari che hanno sfruttato al meglio in proprio favore. Ora abbiamo una nuova settimana davanti a noi e una nuova opportunità per lavorare e cercare di riscattarci. Il Galles è una squadra esperta e con giocatori di livello internazionale. Noi dobbiamo concentrarci su noi stessi, sul nostro piano di gioco e concludere al meglio il torneo” ha sottolineato Cannone.

Foto – Alfio Guarise/LPS

SOSTIENI R1823 CON UNA DONAZIONE

R1823 è da sempre gratuito, basandosi sulla raccolta pubblicitaria che, però, è sempre più difficile, soprattutto in questo periodo storico dove il rischio che molte realtà editoriali chiudano è reale. Il crollo delle notizie sullo sport comporta un crollo delle visite ai siti d’informazione verticali e, di conseguenza, un crollo degli introiti pubblicitari.
Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il lavoro di R1823 sostenendo questo blog. Puoi lasciare una piccola donazione su Paypal (dona).

Rispondi