Italrugby: Ioane, l’attesa azzurra finirà a novembre

L’ala australiana, invitata al raduno dell’Italia a Parma, da quest’autunno sarà eleggibile e diventerà un giocatore di Franco Smith.

L’attesa è (quasi) finita per Monty Ioane e per i tifosi azzurri che, al di là delle polemiche sugli equiparati, sognano di vederlo sfrecciare al largo, arma decisiva per cancellare l’atavico problema delle poche mete marcate dall’Italia. Australiano, di famiglia samoana, Ioane a novembre sarà eleggibile per vestire la maglia azzurra e in questi giorni era a Parma, invitato da Franco Smith al raduno azzurro.

179 centimetri per 95 chilogrammi, Ioane è un’ala veloce, potente, ma che ha anche ottime qualità tecniche. Qualità e potenza che gli appassionati si sono potuti gustare negli ultimi tre anni a Treviso, dove il giocatore ha dato spettacolo e ha aiutato a far fare il salto di qualità ai biancoverdi. E dopo tre anni (è arrivato in Italia nel novembre 2017) Monty potrà vestire la maglia azzurra come equiparato. Leggi l’intervista a Ioane su OA Sport.

SOSTIENI R1823 CON UNA DONAZIONE

R1823 è da sempre gratuito, basandosi sulla raccolta pubblicitaria che, però, è sempre più difficile, soprattutto in questo periodo storico dove il rischio che molte realtà editoriali chiudano è reale. Il crollo delle notizie sullo sport comporta un crollo delle visite ai siti d’informazione verticali e, di conseguenza, un crollo degli introiti pubblicitari.
Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il lavoro di R1823 sostenendo questo blog. Puoi lasciare una piccola donazione su Paypal (dona).

Un commento su “Italrugby: Ioane, l’attesa azzurra finirà a novembre

  1. 100 milioni e passa ben spesi dal rugby italiano, non c’è che dire. Per Dominguez, Parisse, Castro, Delapė, Del Fava e compagnia cantante avevamo speso un filino meno per naturalizzarne una ventina mica scarsi ma vuoi mettere la soddisfazione per uno cosi dopo dieci anni di Celtic e di accademie di condominio? Gaudeamus igitur.

Rispondi