Pro 14: Zebre e Treviso, un finale da stagione senza nulla in palio

La rivoluzione del calendario del torneo rende gli ultimi turni inutili sia nella corsa playoff sia in quella per la Champions Cup.

Tornerà in campo il Guinness Pro 14 per concludere la stagione interrotta a marzo dopo l’emergenza Covid-19. Lo farà a fine agosto, ma in una versione rivista e ridotta rispetto al calendario previsto. Il campionato, infatti, si era fermato alla 13sima giornata, ma ora non si riprenderà dal turno successivo. I match della seconda parte della stagione, infatti, sono stati annullati.

Il calendario, dunque, prevede ancora due soli turni di stagione regolare, ognuno dei quali vedrà andare in scena dei derby tra le squadre dei vari Paesi (Italia, Galles, Scozia, Irlanda e Sudafrica) e, poi, si passerà subito a semifinali e finali. Niente barrage, dunque, e ai playoff vanno solo le prime due di ogni conference. Non solo, perché l’Epcr (l’organo che gestisce le coppe europee) terrà conto della classifica alla tredicesima giornata per decidere le qualificate alle prossime Champions Cup. Continua a leggere su OA Sport.

SOSTIENI R1823 CON UNA DONAZIONE

R1823 è da sempre gratuito, basandosi sulla raccolta pubblicitaria che, però, è sempre più difficile, soprattutto in questo periodo storico dove il rischio che molte realtà editoriali chiudano è reale. Il crollo delle notizie sullo sport comporta un crollo delle visite ai siti d’informazione verticali e, di conseguenza, un crollo degli introiti pubblicitari.
Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il lavoro di R1823 sostenendo questo blog. Puoi lasciare una piccola donazione su Paypal (dona).

2 commenti su “Pro 14: Zebre e Treviso, un finale da stagione senza nulla in palio

  1. Direi che le scelte fatte sono le uniche logiche stando la situazione Covid, non penso si potesse fare nulla di piu’.

    Il successo sara’ tornare a giocare come in NZ e presto in Australia, rivedere vero rugby (senza le oscenita’ regolamentari proposte da WR) e sperare che sia solo l’inizio del ritorno alla normalita’.

    Finire il campionato passato in maniera completa era impossibile, diciamocelo con grande onesta’ e tranquillita’.

  2. Il campionato doveva essere sospeso e senza classifica finale le partite intese come amichevoli e le semifinali e finali intese non come conclusione del campionato ma mat h tra le prime della classifica per dare un premio.

Rispondi