Australia: Castle si dimette, non è più la numero 1 del rugby wallabie

La Ceo della Federazione australiana si è dimessa dopo una gestione per molti fallimentare.

Una nazionale che non va come molti sognavano, conti in profondo rosso, la gestione dell’emergenza Covid-19 tra annunci di nuovi campionati nazionali e ritardi nelle scelte. Nelle ultime settimane la posizione di Raelene Castle, Ceo dell’Aru, si era indebolita notevolmente e oggi la numero 1 del rugby australiano si è dimessa.

“Il rugby è più grande di una sola persona” le sue parole che hanno annunciato l’addio. “Nelle ultime ore ho capito che il board non credeva più in me come Ceo della Federazione e che il mio addio avrebbe permesso loro di portare avanti le loro idee”.

SOSTIENI R1823 CON UNA DONAZIONE

R1823 è da sempre gratuito, basandosi sulla raccolta pubblicitaria che, però, è sempre più difficile, soprattutto in questo periodo storico dove il rischio che molte realtà editoriali chiudano è reale.
Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il lavoro di R1823 sostenendo questo blog. Puoi lasciare una piccola donazione su Paypal (dona).

Rispondi