Rugby mondiale: 100 milioni per l’emergenza e un calendario rivoluzionato

World Rugby ieri ha annunciato le linee guida per aiutare le Federazioni in questo difficile momento economico e sta lavorando su un nuovo calendario internazionale.

100 milioni per venire incontro alle Federazioni alle prese con forti perdite economiche per lo stop obbligato dello sport e, dunque, anche del rugby. Un fondo messo a disposizione da World Rugby che, però, sarà modulato in base alle esigenze delle varie Unions, ma anche dal peso, con Bill Beaumont che non vuole dimenticare anche le realtà emergenti.

E poi un nuovo calendario, con il Sei Nazioni già rinviato, ma con i test match di luglio e novembre a forte rischio, così come la Rugby Championship. Tornei e appuntamenti che rischiano un lungo rinvio o, addirittura, la cancellazione e che andranno riprogrammati tenendo anche conto delle esigenze dei campionati nazionali (Super Rugby compreso) e delle coppe europee, ma anche dei giocatori e della loro salute.

“Stiamo affrontando una crisi mai vista, ma stiamo lavorando su molti fronti cercando di tirare fuori le soluzioni più produttive. Le misure annunciate hanno l’obiettivo di essere solidali e di unire. Ci stiamo muovendo sulla revisione dei calendari in un terreno complesso, ma con dinamismo e progressi eccellenti. Voglio ringraziare tutti per la collaborazione: si stanno gettando le basi per future cooperazioni di progetti globali” le parole di Bill Beaumont.

SOSTIENI R1823 CON UNA DONAZIONE

R1823 è da sempre gratuito, basandosi sulla raccolta pubblicitaria che, però, è sempre più difficile, soprattutto in questo periodo storico dove il rischio che molte realtà editoriali chiudano è reale.
Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il lavoro di R1823 sostenendo questo blog. Puoi lasciare una piccola donazione su Paypal (dona).

Rispondi