Gatland: “Giochiamo British & Irish Lions vs All Blacks”

Il tecnico neozelandese propone una sfida ‘finale’ visto che i calendari internazionali del rugby sono stati sconvolti dal Covid-19.

E se, saltando tutti i test di luglio e rivoluzionato il calendario, si giocasse una partita tra B&I Lions e All Blacks? A proporlo è Warren Gatland, tecnico dei Lions. Il tour della selezione con i migliori giocatori britannici e irlandesi in Nuova Zelanda, infatti, si chiuse con una vittoria per parte e un pareggio. Quale occasione migliore per giocare la “bella”?

L’ex ct del Galles e attuale tecnico dei Chiefs non è, però, solo un romantico, ma anche un uomo che guarda al concreto. Con lo stop forzato dovuto al Covid-19, infatti, le varie Federazioni stanno perdendo milioni di euro e una partita secca tra British & Irish Lions e All Blacks sarebbe un toccasana per le casse della federazione neozelandese. Il match si potrebbe giocare ora o, più probabilmente, inserirlo proprio prima dell’inizio del tour dei Lions in Sudafrica l’anno prossimo.

SOSTIENI R1823 CON UNA DONAZIONE

R1823 è da sempre gratuito, basandosi sulla raccolta pubblicitaria che, però, è sempre più difficile, soprattutto in questo periodo storico. Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il lavoro di R1823 sostenendo questo blog. Puoi lasciare una piccola donazione su Paypal (dona).

Un commento su “Gatland: “Giochiamo British & Irish Lions vs All Blacks”

  1. Secondo me avrebbe più senso quest’anno sinceramente.
    Già i Tour dei Lions son lunghi e probanti, ci manca solo fare il warm-up con gli All Blacks prima di affrontare i campioni del mondo…
    Comunque se vogliamo recuperare soldi secondo me l’unica via è puntare sulla finestra invernale, allungandola in accordo con WR.
    Se la situazione si normalizza (ovviamente), usare Ottobre/Novembre per una finestra di 4-5 TM tra Rugby Championship, recuperi del 6N e TM ad-hoc (magari a livello di emisfero, con una sfida finale B&I, come di solito fanno i Baa-baas ad apertura o chiusura della finestra). Certo, poi ci sono da convincere i club (di quei campionati non di “proprietà” delle federazioni) a dare disponibilità dei giocatori per 2 mesi, ma magari facendo iniziare prima i campionati si riesce a fare tutto.

Rispondi