Scozia: Finn Russell pronto al ritorno

L’apertura, esclusa nell’ultimo Sei Nazioni, racconta della pace fatta con Greg Townsend e della voglia di tornare in squadra.

Un caso esploso “anche oltre misura”, come può capitare se uno scontro finisce sulla stampa. Parliamo dell’esclusione di Finn Russell dalla Scozia nell’ultimo Guinness Sei Nazioni, dei suoi contrasti con il ct Greg Townsend, nati da una serata alcolica di troppo alla vigilia del torneo. Ma ora Russell dice che è pronto a tornare e, appunto, che forse si è ingigantito tutto. “Non ho mai detto ‘Non giocherò mai più per te'” racconta a BT Sport’s Rugby Today.

“In questo periodo io e Greg siamo stati in contatto, ci siamo mandati diversi messaggi. No, non messaggi giocatore-allenatore, ma più semplicemente una chiacchierata su come stiamo, come stiamo vivendo questo particolare momento” dice Russell, che continua. “Quello che è stato nel Sei Nazioni è il passato, inutile ripensarci. Ora il discorso è come ripartire e cosa fare per il meglio per la squadra”.

Con Townsend non si è parlato però solo del periodo d’isolamento, ma anche del tour estivo (nonostante sia a forte rischio). “Abbiamo parlato del tour in Sudafrica e Nuova Zelanda e credo che ripartire a costruire la nostra relazione da qui sia importante. O, almeno, è il mio piano. Di provare a esserci” ha concluso Russell.

SOSTIENI R1823 CON UNA DONAZIONE

R1823 è da sempre gratuito, basandosi sulla raccolta pubblicitaria che, però, è sempre più difficile, soprattutto in questo periodo storico. Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il lavoro di R1823 sostenendo questo blog. Puoi lasciare una piccola donazione su Paypal (dona).

Rispondi