Rugby amarcord: Grenoble ’97, quando l’Italia battè la Francia

Il prossimo 22 marzo cade il 23° anniversario della storica vittoria azzurra che aprì le porte del Sei Nazioni.

Sono passati 23 anni, eppure sembra una vita fa. Il 22 marzo è una data che è entrata nella storia del rugby italiano e il nome di Grenoble, cittadina situata nella storica regione del Rodano-Alpi, nel sud-est della Francia, è uno di quelli che fanno illuminare lo sguardo agli appassionati. Come il Bernabeu ’82 per il calcio azzurro o Les Deux Alpes ’98 di Marco Pantani o Mosca ’80 di Pietro Mennea, questa data è diventata una leggenda.

L’Italia del rugby non era ancora entrata nell’élite della palla ovale mondiale, disputava la Coppa FIRA e guardava con ammirazione e invidia quel leggendario Cinque Nazioni dove si sfidavano annualmente Inghilterra, Irlanda, Scozia, Galles e Francia. Il sogno azzurro era entrare in quel gruppo ristretto e il neopresidente federale Giancarlo Dondi si era dato quell’obiettivo. Il rugby italiano nel 1997 arrivava da un decennio d’oro a livello di club, con squadre come Milano e Treviso che avevano convinto campioni incredibili a giocare nel Belpaese. Continua a leggere su OA Sport.

SOSTIENI R1823 CON UNA DONAZIONE

R1823 è da sempre gratuito, basandosi sulla raccolta pubblicitaria che, però, è sempre più difficile, soprattutto in questo periodo storico. Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il lavoro di R1823 sostenendo questo blog. Puoi lasciare una piccola donazione su Paypal (dona).

Rispondi