6 Nazioni 2020: Scozia, il mio nome è Russell, Finn Russell

L’apertura, esclusa da Greg Townsend, sta aiutando la sua nazionale facendo “la spia” sui giocatori della Francia.

Da giocatore a (per adesso) agente segreto al servizio di Sua Maestà. O, meglio, della Principessa Anna. Finn Russell, l’apertura esclusa da Greg Townsend per contrasti tra i due alla vigilia del Sei Nazioni, ha iniziato ad aiutare la Scozia in vista della sfida di questo weekend contro la Francia.

Russell, infatti, gioca nel Racing 92 nel massimo campionato francese e, dunque, conosce molto bene i prossimi avversari della Scozia. E così, dopo che negli ultimi giorni ha parlato spesso con il ct (si parla di una pace che riporterà il giocatore in nazionale a giugno, ndr.), l’apertura ha iniziato a offrire notizie sui giocatori della Francia per aiutare la sua nazionale a preparare al meglio la sfida di domenica a Edimburgo.

Foto – Instagram/finnrussell92

2 commenti su “6 Nazioni 2020: Scozia, il mio nome è Russell, Finn Russell

  1. Può spiare quanto vuole, questa (!) Francia a questa Scozia se la beve come uno spritz fresco all’aperitivo in Piazza dei Signori

Rispondi