6 Nazioni 2020: Smith “Miglioramenti rispetto a Cardiff”

Dopo la partita persa a Parigi con la Francia hanno parlato il ct azzurro e il capitano Bigi.

Una sconfitta, la ventiquattresima consecutiva, ma una sconfitta ben diversa da quella di Cardiff. Certo, la Francia ha spesso alzato il piede dall’acceleratore e quando ha colpito lo ha fatto facendo male, ma sicuramente l’Italia vista a Parigi ha mostrato lati positivi da cui ripartire. Come ha sottolineato Franco Smith in sala stampa.

“Ci sono stati errori nei primi 15 minuti – ha esordito Franco Smith nella conferenza stampa post partita – ma la differenza rispetto alla prima partita si vede. Siamo stati più performanti nei punti di incontro, abbiamo creato spazi e avuto più fiducia nel nostro sistema di gioco”.

“Abbiamo placcato tanto e abbiamo espresso una parte del lavoro fatto in settimana. In questi giorni abbiamo lavorato in modo importante per continuare ad assimilare al meglio il piano di gioco. Sono consapevole che abbiamo bisogno di tempo” ha concluso il ct.

“La velocità e la precisione nei punti di incontro sono stati due fattori importanti in questa partita – ha dichiarato capitan Bigi – e in questa partita nonostante alcuni errori siamo riusciti a segnare 3 mete. Ripartiamo da qui, dai primi passi fatti verso il nuovo sistema di gioco e dalla consapevolezza che possiamo essere migliori di quello che abbiamo mostrato fino a ora”.

“Ci sono cose che hanno funzionato e altre meno. Abbiamo avuto l’atteggiamento di chi non molla mai e la meta di Bellini nel finale lo dimostra. Dobbiamo continuare a lavorare su questa strada e mostrare sia all’esterno che a noi stessi che possiamo fare di meglio” ha concluso Bigi.

Un commento su “6 Nazioni 2020: Smith “Miglioramenti rispetto a Cardiff”

  1. Nei primi 15′ più che errori c’è stato un ritmo ed una fisicità francese che definire impressionante e sfinente per noi é dir poco.
    Smith, che dalla mia nullità stimo moltissimo, mi permetta l’adagio che abbiamo fatto meglio che a Cardiff, vero, anche vero che far peggio era praticamente impossibile.
    Comunque se ogni partita è un passo avanti (costante) mi sta bene.
    Non sono convinto che potremo vincere con la Scozia, e se riusciremo a non perderne 30 di fila sarà ottima cosa, ma facendo ogni volta qualcosa meglio (senza però far passi indietro se no non vale) sicuramente troveremo una quadra

Rispondi