6 Nazioni 2020: Francia-Italia, la battaglia sarà tra gli uomini di mischia

La Francia di Fabien Galthié vista a Parigi domenica pomeriggio è apparsa superiore agli azzurri in ogni reparto, ma sarà con i primi otto che l’Italia potrà sperare di ribaltare i pronostici.

L’Italia del rugby torna in campo domenica, fischio d’inizio alle ore 16 e diretta su Dmax, a Parigi contro la Francia per il secondo turno del Guinness 6 Nazioni 2020. Una sfida difficilissima per i ragazzi di Franco Smith, reduci dal pesante 42-0 con il Galles, mentre i Bleus hanno sorpreso tutti battendo 24-17 la favorita della vigilia Inghilterra. Ma dove potrebbe mettere in difficoltà la Francia l’Italia e dove rischia di più?

La Francia di Fabien Galthié vista a Parigi domenica pomeriggio è apparsa superiore agli azzurri in ogni reparto e gli azzurri dovranno dare il 110% per fermare i Bleus. La giovanissima mediana francese, formata da Antoine Dupont e Romain Ntamack garantisce tante opzioni, con il mediano di mischia bravissimo sia a muovere l’ovale all’esterno sia a trovare i break vincenti e, infatti, due delle mete francesi sono arrivate da sue iniziative. Ntamack è preciso al piede, ma sa usare anche le mani come un metronomo. Nell’Italia di Cardiff ha convinto Callum Braley, mentre la prova di Tommaso Allan è stata piuttosto anonima. L’apertura azzurra dovrà alzare il ritmo per reggere il confronto ed essere anche molto presente in difesa per fermare le folate della coppia transalpina. Continua a leggere su OA Sport.

Un commento su “6 Nazioni 2020: Francia-Italia, la battaglia sarà tra gli uomini di mischia

  1. Mah, Duccio, vediamo. Io la vedo ancora nerissima. Tutti noi speriamo di ribaltare pronostici, ma anche se l’Italia di Cardiff migliora e la Francia de “le crunch” peggiora, ancora temo in una ripetizione della terapia da delusione.
    Che se ripenso alla Francia che è passata per Roma a Marzo scorso e come siamo riusciti a perdere mi vien male…

Rispondi