Champions Cup: il Racing batte Munster e va ai quarti

Si è conclusa ieri la quinta giornata della Coppa Europa, con il Leinster che fa cinque su cinque.

Il Racing si aggiunge a Leinster, Exeter, Tolosa e Clermont nel novero di squadre che hanno già il biglietto per i quarti di finale della Champions Cup 2019-2020. Il netto successo sul Munster, arrivato però solo nel finale con tre mete in otto minuti a ribaltare il risultato, rende i parigini irraggiungibili in vetta alla pool 4.

Resta, così, da assegnare solo il primo posto nella pool 3, dove però Clermont è già certa di passare il turno, mentre sono tante le squadre che si giocheranno i migliori secondi posti in 80 minuti. Resta in corsa Northampton, che ha battuto Treviso, così come Ulster – che può anche chiudere in vetta il girone -, Saracens, Gloucester e, anche se lontano due punti, Glasgow.

CHAMPIONS CUP – QUINTA GIORNATA

La Rochelle – Sale 30-23
Bath – Harlequins 19-25
Ospreys – Saracens 15-22
Clermont – Ulster 29-13
Glasgow – Exeter 31-31
Connacht – Tolosa 7-21
Gloucester – Montpellier 29-6
Leinster – Lione 42-14
Northampton – Benetton Treviso 33-20
Racing – Munster 39-22

CHAMPIONS CUP – CLASSIFICHE

Pool 1: Leinster 24; Northampton 14; Lione 7; Treviso 6
Pool 2: Exeter 22; Glasgow 12; La Rochelle 10; Sale 7
Pool 3: Clermont 20; Ulster 17; Harlequins 9; Bath 4
Pool 4: Racing 22; Saracens 14; Munster 11; Ospreys 2
Pool 5: Tolosa 22; Gloucester 14; Connacht 8; Montpellier 5

Foto – Facebook/ExeterChiefs

2 commenti su “Champions Cup: il Racing batte Munster e va ai quarti

  1. Gran bella partita a Parigi, non c’è che dire. Continui ribaltamenti, e incertezza fino alla fine. Munster che oltre a giocare molto bene in difesa, secondo me fa decisamente meglio per un’ora in termini di letture di gioco e tattica, sanno quando calciare, quando mettere pressione, quando provare qualcosa di diverso. E con assenze pesanti a 10, JJ questa volta ha fatto il suo.
    Dall’altra parte una squadra di fisicità superiore, con due ali che in 80′ han visto ben pochi palloni ma che entrambe mettono la firma (Thomas da urlo con quel tuffo disperato), ma devono ringraziare Vakatawa, vero rebus per la difesa di Munster. Per chi non segue il Top14 il numero 4 è un mezzo sconosciuto, ma farà strada. Certo che una squadra che ha Iribaren titolare e poi fa entrare Machenaud (gran distribuzione in attacco nel finale)…
    Ora Munster che non credo avrà problemi a fare 5 punti con gli Ospreys in casa, ma deve sperare in qualche regalo dei francesi in Inghilterra per non rimanere fuori.

  2. Visti solo gli ultimi 10 minuti del primo tempo ed il secondo tempo del Munster…che dire solita grande grinta ma sul paino del gioco non c’era partita, I francesi quando erano in possesso erano sempre e comunque molto piu’ pericolosi e solo alcuni errori hanno tenuto in aprtita il Munster ad un certo punto, la meta di Conway su intercetto e’ stato un regalo bello e buono di Chevancy per esempio…7 punti che di fatto hanno tenuto a gall ail Munster.

    Spiace dirlo, ma questo Munster al momento sembra una squadra senza capo ne coda. La difesa resta oscena, ad ogni partita si vedono gli avversari troppo facilmente trovare buchi e mismatch da sfruttare. In attacco, inizialmente mi era sembrato Larkham avesse portato qualcosa, ma nelle ultime uscite mi sembra invece si siano involuti o forse ci sia una “crisi di rigetto”. Sfortunati su certi infortune (Carbery su tutti) ma qeusta squadra offi come oggi va rivista prima di tutto nella gestione. PArere personale, ma VG da quando e’ arrivato e’ sembrato capirci olto poco e Ferreira e’ responsabile di un Sistema difensivo chef a acqua da tutte le parti. Qualche anno fa in una situazione non troppo diversa arrivarono Rassie Erasmus e Nienaber e raddrizzarono la baracca.

    Ulster: grandissimo primo tempo sul piano del gioco, ma grandissima supponenza nel non prendere calci di punizone facili e continuare a muovere il punteggio invece che cercare la meta. Lasciati giu’ s6 punti sicuri nel primo tempo che avrebbero messo un distacco maggiore, andare a Clermont e non prendere punizioni semplici quando le hai e’ assurdo, non ricordo Saracens o Leinster farlo…con tutto il rispetto dell’Ulster. Probabilmente il Clermont avrebbe comunque dilagato e vinto per via di una profondita’ maggiore, ma Ulster che deve rivedere questo tipo di approcio.

    Leinster: sono onesto mi aspettavo un Lyon meno combattivo in trasferta e con la qualificazione andata, invece alla fine son venuti qua e seppur con formazione rimaneggiata non hanno fatto la figura che di solito le squadre francesi fanno in queste situazioni. Leinster comunque superior, non c’e’ mai stata partita. Solita prestazione monumentale di Deegan in attacco (in difesa un po’ meno) giustamente MoM, Fardy che sara’ a fine carrier ma regala prestazioni sontuose ogni volt ache scende in campo, un Dave Kearney che anche si conferma in ottimo stato di forma ed il solito ottimo Ross Byrne che praticamente non sbaglia niente ma continua a non far figo dire che e’ di gran lunga la miglior aperture a disposizione.

Rispondi