6 Nazioni: Francia, 19 esordienti e un nuovo capitano

Fabien Galthie ha convocato 42 giocatori per il primo raduno in vista del Guinness Sei Nazioni 2020.

Sarà il giovane Charles Ollivon il capitano della prima Francia firmata da Fabien Galthie. Il ct dei Bleus ha annunciato ieri il gruppone di convocati in vista del 6 Nazioni che prenderà il via il prossimo 1 febbraio e tra i convocati ci sono ben 19 esordienti. Insomma, una mezza rivoluzione per una Francia che vuole subito stupire.

FRANCIA – convocati

Avanti: Dorian Aldegheri (Toulouse), Cyril Baille (Toulouse), Demba Bamba (Lyon), Camille Chat (Racing 92), Anthony Etrillard (Toulon), Jean-Baptiste (Toulon), Mohamed Haouas (Montpellier), Julien Marchand (Toulouse), Jefferson Poirot (Bordeaux-Bègles), Cyril Cazeaux (Bordeaux-Bègles), Killian Geraci (Lyon), Bernard Le Roux (Racing 92), Boris Palu (Racing 92), Romain Taofifenua (Toulon), Paul Willemse (Montpellier), Grégory Alldritt (La Rochelle), Dylan Cretin (Lyon), François Cros (Toulouse), Alexandre Fischer ( Clermont Auvergne), Sekou Macalou (Stade Français) Charles Ollivon (Toulon, c) Selevasio Tolofua (Toulouse), Cameron Woki (Bordeaux-Bègles)
Trequarti: Antoine Dupont (Toulouse), Maxime Lucu (Bordeaux-Bègles), Baptiste Serin (Toulon) Louis Carbonel (Toulon), Matthieu Jalibert ( Bordeaux-Bègles), Romain Ntamack (Toulouse), Gaël Fickou (Stade Français), Julien Heriteau (Toulon), Virimi Vakatawa (Racing 92), Arthur Vincent (Montpellier), Gervais Cordin (Toulon), Lester Etien (Stade Français), Gabriel Ngandebe (Montpellier), Damian Penaud (Clermont Auvergne), Vincent Rattez (La Rochelle), Teddy Thomas (Racing 92), Anthony Bouthier (Montpellier), Kylan Hamdaoui (Stade Français), Thomas Ramos (Toulouse)

2 commenti su “6 Nazioni: Francia, 19 esordienti e un nuovo capitano

  1. Niente da dire, il talento c’è, e tanto. La profondità (quella vera, si, non la nostra) pure, considerando che si lasciano a casa i vari Parra, Machenaud, Raka, Lopez, Slimani e via cosi.
    Come già scritto altrove, la mediana è da lustrarsi gli occhi, le aperture fanno appena 61 anni in 3, ma in fatto di talento non hanno niente da invidiare ai colleghi delle altre nazionali (ovvio, manca l’esperienza e la continuità, ma ci arriveranno sicuramente).
    Per me una Francia che ad ogni convocazione può cambiare facilmente 5-10 giocatori, inserendo innesti di livello, se trova un buon amalgama difensivo (ma hanno Edwards) può essere più di una semplice mina vagante (anche visto come alcune nazionali sono uscite dal Mondiale o qualche situazione interna non proprio rosea, vedi Ospreys o Saracens, che potrebbe distrarre).

  2. Difficile dire oggi dove questa Francia possa andare, ma Galthie’ segue coi fatti alle aprole di voler ribaltare come un calzino la situazione!

    Squadra giovanissima, che magari in questo 6N, e forse anche dopo nel future immediato fatichera’ e potrebbe non raccogliere molto ma che guarda piu’ in la’. Se FFR e pubblico accettano questo approcio e non gli si accaniscono contro perche’ magari inizialmente I risultati non arrivano potrebbe essere veramente il punto di svolta per la Francia.

    Personalmente ritengo che in alcuni ruoli la qualita’ non sia cosi’ incredibile, pero’ senza dubbio e’ una squadra con un potenziale di crescita importante. Ora sara’ da vedere se riuscira’ a farli esprimere al meglio.

Rispondi