Sei Nazioni: Irlanda in apprensione per Sexton

L’apertura del Leinster si è infortunata nel weekend e salterà la sfida con Northampton. Ma i tempi di recupero sono ancora incerti.

Due semplici righe, ma che preoccupano i tifosi irlandesi e Andy Farrell, il nuovo ct della nazionale. Jonathan Sexton, apertura del Leinster e dell’Irlanda, è uscito dal campo nel match contro Northampton lo scorso weekend e salterà il ritorno questo fine settimana.

Un infortunio al ginocchio, come specifica il club di Dublino, con il giocatore che verrà sottoposto a ulteriori visite mediche e diagnostiche per valutarne l’entità. Con il Sei Nazioni a meno di due mesi dal via una notizia che preoccupa.

Un commento su “Sei Nazioni: Irlanda in apprensione per Sexton

  1. Per me invece e’ una benedizione sotto mentite spoglie.

    Sexton e’ un gran giocatore non si discute, ma ormai ha 34 anni, nel 2023 lui non ci sara’ in Francia, e come detto alla fine della RWC io spero che Farrell non ci propini il canto del cigno di Sexton come fu fatto con ROG a suo tempo. E’ tempo di voltar pagina e costruire il future, si accettino 1-2 6N sottotono anche come ha fatto eJ con l’Inghilterra nel suo secondo e terzo anno.

    Si potrebbe discutere che il vero problema e’ che non sis a ancora bene quando Carbery sara’ a disposizione, e questo toglie chi dovrebbe essere il prossimo 10 della Nazionale, ma a questo ppunto ben venga, si dia spazio con continuita’ a Carty e Ross Byrne cosi’ da sviluppare chi dovrebbe dare competizione a Carbery eventualmente. Per altri come Harry Byrne, Conor Fitzgerald e’ oggettivamente troppo presto anche se Harry e’ per me il talento che verra’ fuori alla lunga, ma va bene cosi’ si volti pagina e si vada avanti. Alla fine dei conti Paddy Jackson prese sicurezza nel ruolo proprio quando Sexton per un infortunio o per decisione di lasciarlo riposare fu tenuto fuori dal gruppo, che succeda ora con quelli che tra 4 anni saranno I giocatori per il Mondiale non e’ una disperazione, a meno che non si faccia l’errore di guardare al prossimi Six Nations come il vero obiettivo.

    Per me il prossimo 6N e’ anche il momento in cui iniziare a mettere in discussione Murray, Cooney e McGrath al momento stan giocando nettamente meglio, e volendo avrei anche da discutere su Blade meglio Marmion in queste settimane.

    Kelleher, Penny, Deegan, Haley, Loughman altri nomi che cosi’ su due piedi mi vengono in mente e che meriterebbero oggi piu’ di altri e che sarebbero lavorare in prospettiva futura.

Rispondi