Pro 14: colpo Edimburgo in casa del Munster

Si è conclusa la settima giornata del campionato celtico di rugby. Playoff sempre più lontani per Treviso

Si allontana la zona playoff per la Benetton Treviso, distante ora nove punti. Il ko casalingo con Cardiff costa caro ai biancoverdi che vengono superati proprio dai Blues, mentre sia Connacht sia Edimburgo guadagnano punti sui veneti, che accorciano le distanze solo con gli Scarlets, quarti nella conference B. Conference dove cade il Munster in casa contro l’Edimburgo in uno dei risultati più a sorpresa del weekend.

Nella conference A, invece, il colpo gobbo lo piazzano le Zebre, che espugnando con bonus il campo di Newport accorciano la parte bassa della classifica. In alto, invece, erano in programma nella serata di ieri due scontri importanti, con i Cheetahs che hanno espugnato il campo degli Ospreys, ultimi assieme alle Zebre, mentre non si ferma il Leinster che vince sul campo di Glasgow con due mete di Kelleher.

Segui tutto il Guinness Pro 14 in diretta streaming su DAZN.

PRO 14 – SETTIMA GIORNATA

Munster – Edimburgo 16-18
Ulster – Scarlets 29-5
Treviso – Cardiff 28-31
Connacht – Southern Kings 24-12
Newport – Zebre 12-39
Glasgow – Leinster 10 – 23
Ospreys – Cheetahs 13 – 18

PRO 14 – CLASSIFICHE

Conference A: Leinster 33; Ulster 25; Cheetahs 21; Glasgow 15; Newport 9; Zebre, Ospreys 7
Conference B: Munster 25; Connacht 24; Edimburgo 23; Scarlets 21; Cardiff 15; Treviso 14; Kings 6

Foto – Pro 14

This poll is no longer accepting votes

Vota il Buttiga Player of the Year 2019
7727 votes
VotaRisultati

7 commenti su “Pro 14: colpo Edimburgo in casa del Munster

  1. Duccio, la sorpresa è che abbiamo perso solo di 2. Squadra del tutto insensata. Prepartita chiedeva Stefo dei minutaggi e non mi pare che fosse quella la ragione di tanta genialità, ma arrivare con i minutaggi esauriti tutti insieme non sarebbe stato comunque meno stupido e (soprattutto) meno irrispettoso per il pubblico dell’Independent. Almeno fosse stata una trasferta gabbando il pubblico altrui, ma così è stata una assoluta indecenza. Alla fine però la squadra B perde esattamente come la A e forse meglio (come mischia e falli, ma un paio perniciosi anche se quello alla fine decisivo se lo inventa Mitrea tra lo stupore generale). Disastro solito di handling e difesa: ancora buchi centrali giganteschi da mismatch e autostrade. Pesa l’errore inaccettabile in avvio di McCarthy, poi il ragazzo si è ripreso: tecnicamente è bravo ma la palla non viaggia come piace a me e lo vedo in difficoltà nelle scelte (tempo e luogo) ma, sia chiaro, non solo per suoi demeriti. Meglio Healy, gelido al piede ma anche lui evidentemente in imbarazzo. Edimburgo ci uccella per tutta la partita al piede con Pyrgos, VdW e Kinghorn e ci buca in mezzo con facilità irrisoria: rimediamo con i miracoli (sempre che anche i falli siano tali) a tre-quattro situazioni disperate. Noi ci accampiamo ai 5 metri diverse volte e per un tot ma non portiamo a casa neanche la confezione del macinato. Nei drive, noi male e Knights bene. JOD mom, io l’avrei dato a Pyrgos o Kinghorn, o anche a Schoeman che si è fatto 70 minuti e un gran lavoro in giro per il campo. Partita che non si può dire sia stata brutta, solo di un ipotetico campionato B. Avessero giocato i Knights da A, sarebbe stata un’imbarcata memorabile. Arbitraggio adeguato nemmeno alla categoria: ai 5 metri (nostri e loro, sia chiaro) si è visto di tutto. Gag irresistibile quando tra Mitrea e Penné guardano e riguardano un bel 4 minuti la meta di TOD senza accorgersi che gli scozzesi alzano la protezione del palo per evitare che la palla la tocchi. Per ridar loro la vista serve tutta la pazienza di JOD e l’intercessione di Santa Lucia.
    Primo tempo di Ulster fenomenale con il solito Cooney extralusso, Baloucoune incontenibile e che difende pure, Faddes talmente ben inserito da convincere Stuart a passarla. Molto bene il mio Bill Johnston, partitone anche in difesa. La tara sta nell’assurdità di far giocare un turno intero con le gallesi ultramenomate.
    Vengo perciò alle Zebre: dei Dragons così malmessi li troveranno mai più però son state brave a fare il loro e a prendere i 5 punti. Il roster è quel che è, puntellato dalle due seconde se la cava un nei set pieces, ma i 15′ di Renton sono stati da scherzi a parte.
    Leinster: non vista, ma se vince largo a Glasgow con quei 15+8 anche un turista si accorgerebbe che qualità e competitività del Pro14 sono in caduta libera. Da quel dì che lo penso (e che lo dico).

  2. Interessante botta risposta tra Bowe e Flannery su eirsport nel prepartita del Connacht.
    Bowe dice “se il leinster cambiando 14-15 uomini vince ogni partita non e’ bene per la lega” flannery risponde “ma e’ bene per il rugby irlandese”
    Per niente d’accordo con Flannery, ci si sopravvaluta e si finisce per non dare peso ai valori dei confronti.
    Bowe ha stra-ragione, e ieri il Leinster 2 che batte un Glasgow quasi al completo e’ un ulteriore conferma che questi campionato ha un problema di livello e qualita’.

    1. sul problema “qualita” è ovvio che l’ingresso di noi (sic) e SAF abbia abbassato un pò il livello e l’interesse dei tifosi celtici. Se poi la WRU organizza un non-Test match fuori dalle finestre ufficiali, depauperi ancora di + le regions già in crisi. E poi c’è il calcio che tira molto in Galles.

  3. questo campionato tra poco finirà, al massimo nel 2021 si parte con la British&irish League..
    cmq bel Ulster, Scarlets mai pervenuti, ma i nord irlandesi quest anno sono belli carichi

    1. Attento Ian a non prendere le parole di Rob Davies per una certezza, la sua e’ un’opinione su quello che potrebbe succedere ma al momento il borad celtico e’ piu’ propenso ad espandersi in SAF che altro e le trattative in piedi vanno in quel senso al momento.

      Davies parla di una possibilita’ speculando sul fatto che CVC e’ gia’ nella Premier, sta entrando in Pro 14 e vuole entrare nel Six Nations quindi si aspetta che qualcosa succeda in questi termini per loro interesse (di CVC) ma come trattativa non c’e’ molto sul tavolo. Non sarebbe per nulla una trattativa semplice.

      Siamo davanti al solito balletto politico in cui ogni federazione provera’ a tirare acqua al suo mulino, e nel caso del galles il solito siparietto in cui I private proveranno a spremere piu’ finanziamenti per le franchigie.

      1. Io sarei fortemente favorelo ad uno scenario simile, anche se questo presupporrebbe anche una revisione sostanziale del sistema franchigie in Galles. Davies parla perchè è alla canna del gas, ma in Galles tutti si aspettano una mossa del genere perchè il pro14 per quanto sia interessante, ha fatto il suo tempo. Con questa struttura si sta cadendo lentamente in un baratro da cui non vedo uscita

Rispondi