Provocazioni ovali: Savea “L’eleggibilità dovrebbe valere anche per i coach?”

La terza linea degli All Blacks ha posto un quesito su Twitter. Se i giocatori non possono cambiare nazionale, perché lo possono fare i tecnici?

Provocazione, o reale dubbio da far porre a World Rugby. Ardie Savea, uno dei giocatori più ‘intellettuali’ degli All Blacks ha posto una domanda su Twitter che riguarda equiparati, oriundi e, soprattutto, il concetto stesso di eleggibilità nel rugby.

“Pensieri in libertà: i giocatori di rugby non possono cambiare maglia una volta vestita quella di un Paese. La stessa regola dovrebbe essere applicata agli allenatori?” ha scritto Savea. Insomma, secondo la seconda linea se un giocatore figiano ha scelto di vestire la maglia della Francia dopo tre anni di residenza, poi non può tornare a indossare quella delle Fiji. Eppure, un tecnico che ha allenato una nazionale, può benissimo allenarne un’altra.

Gli esempi, ça va sans dire, sono innumerevoli: da Jacques Brunel a Eddie Jones sono stati diversi i tecnici che si sono seduti su più panchine di nazionali. Ma, soprattutto, ci sono casi di allenatori che hanno esordito a livello internazionale all’estero, per poi venir chiamati nuovamente in Patria. O sarebbe potuto succedere. Proprio agli All Blacks, dove tecnici come Joe Schmidt e Warren Gatland – entrambi neozelandesi – erano in lizza per la panchina neozelandese dopo aver allenato Irlanda e Galles.

Le due obiezioni più facili al quesito di Savea sono che vi è una differenza sostanziale tra un allenatore e un giocatore, ma soprattutto che lo scambio di stili rugbistici, di know how, che si crea con i tecnici che vanno da un Paese all’altro è un plus per l’intero movimento rugbistico mondiale. Ma la domanda, provocatoria, resta. L’eleggibilità dovrebbe valere anche per i coach?

Un commento su “Provocazioni ovali: Savea “L’eleggibilità dovrebbe valere anche per i coach?”

  1. Perché fermarsi ai coaches…ci sono gli sponsor, le attrezzature, gli integratori, le aziende che progettano e realizzano strutture…

Rispondi