Champions Cup: con il Leinster Treviso lotta ma Ringrose la punisce

Si è conclusa a Dublino la sfida d’esordio della Benetton in Coppa Europa. Ecco come è andata.

Tre mete di Garry Ringrose abbattono la Benetton Treviso nell’esordio di Champions Cup. Lottano i biancoverdi, marcano tre mete con Budd, Faiva e Sperandio, ma non possono nulla di fronte alla tripletta di Ringrose, con le altre mete segnate da Kelleher e Sexton. Nel finale Treviso cerca la meta del doppio bonus, ma non la trova e nulla di fatto.

Alla RDS Arena la gara comincia con i Leoni che commettono fallo dopo tre minuti di gioco consentendo a Sexton e compagni di andare in touche dentro i 22m. Ovale portato a terra, alcune fasi ed assist del 10 di casa per Ringrose che schiaccia in meta; è la prima delle tre che metterà a segno durante il pomeriggio. Sexton dalla piazzola sbaglia la trasformazione.

I Leoni si riorganizzano e rispondono immediatamente, al 7’ dopo aver conquistato un calcio di punizione scelgono di andare in touche anziché piazzare. La scelta è coraggiosa e li premia perché dopo alcune fasi Budd va in meta; Keatley trasforma portando i suoi in vantaggio.

Sul contrattacco, i Dubliners trovano la punizione che da metà campo li porta nuovamente in touche. Un po’ come accaduto in occasione della prima meta, la difesa dei Leoni in un primo momento regge ma poi è costretta a cedere alla nuova incursione di Ringrose che sigla la doppietta personale. Questa volta Sexton trasforma portando il punteggio sul 12-7.

Al 20’ buon possesso recuperato dai Leoni che sfruttano una punizione in loro favore per andare in touche dentro i 22m avversari. Serie di fasi e vantaggio per gli uomini di coach Crowley che ne approfittano per avvicinarsi alla linea di meta andando in rimessa laterale sui 5m, purtroppo l’ovale viene rubato.

A ridosso della mezz’ora di gioco il momento è favorevole a Leinster, gli irlandesi costruiscono fasi su fasi nella metà campo dei Leoni che riescono a reggere alle loro avanzate. Purtroppo al 28’, a causa di un placcaggio alto su Kelleher, Quaglio riceve un cartellino giallo lasciando così i propri compagni in 14. Leinster approfitta immediatamente dell’inferiorità numerica e va in meta con il tallonatore Kelleher, Sexton aggiunge i due punti trasformando.

Negli ultimi minuti del primo tempo capitan Sgarbi e compagni provano ad accorciare le distanze, prima costruiscono una buona azione che purtroppo non porta punti perché Zani si fa rubare palla e successivamente proprio grazie ad un tenuto conquistato dallo stesso Zani, Keatley ha possibilità di andare per i pali. Il calcio da quasi metà campo però è leggermente corto.

Il primo tempo si chiude così sul punteggio di 19 a 7 in favore dei padroni di casa.

Nella ripresa Leinster allunga le distanze dopo appena tre minuti, e lo fa con una meta del proprio capitano. Lo stesso Sexton trasforma.

Al 49’ punizione in favore dei Leoni per un in avanti volontario dei Dubliners a metà campo. Keatley, grazie ad un ottimo calcio, manda i propri compagni in touche sui 5m avversari. Dalla rimessa, maul organizzata dai Leoni e dopo un paio di fasi si va in meta con Faiva. La trasformazione di Keatley porta il punteggio sul 26 a 14.

Buon momento dei Leoni che pochi minuti più tardi portano alta la pressione riuscendo a chiudere Leinster dentro i loro 5m, purtroppo il duro lavoro viene vanificato da qualche errore che non porta punti.

Al 68’ il divario però si allunga, quando da una touche rubata da Toner si arriva alla terza marcatura di Garry Ringrose, nominato Heineken Man of the Match. Ross Byrne, entrato per Sexton, trasforma portando il punteggio sul 33 a 14.

I Leoni non ci stanno e cercano a tutti i costi di ridurre lo svantaggio, trovando magari il punto di bonus difensivo. Alla fine arriverà soltanto la meta sulla bandierina di Sperandio non trasformata da Keatley.

Il punteggio finale alla RDS Arena vedere Leinster battere i Leoni 33 a 19.

LEINSTER – BENETTON TREVISO 33-19

Sabato 16 novembre, ore 16.15 – RDS Arena, Dublino
Leinster: 15 Jordan Larmour, 14 Dave Kearney, 13 Garry Ringrose, 12 Joe Tomane, 11 James Lowe, 10 Johnny Sexton, 9 Luke McGrath, 8 Caelan Doris, 7 Josh van der Flier, 6 Rhys Ruddock, 5 James Ryan, 4 Devin Toner, 3 Andrew Porter, 2 Ronan Kelleher, 1 Cian Healy
In panchina: 16 James Tracy, 17 Peter Dooley, 18 Michael Bent, 19 Scott Fardy, 20 Max Deegan, 21 Jamison Gibson-Park, 22 Ross Byrne, 23 Rory O’Loughlin
Treviso: 15 Jayden Hayward, 14 Angelo Esposito, 13 Nacho Brex, 12 Alberto Sgarbi, 11 Luca Sperandio, 10 Ian Keatley, 9 Dewaldt Duvenage, 8 Nasi Manu, 7 Braam Steyn, 6 Giovanni Pettinelli, 5 Dean Budd, 4 Ira Herbst, 3 Marco Riccioni, 2 Hame Faiva, 1 Nicola Quaglio
In panchina: 16 Engjel Makelara, 17 Federico Zani, 18 Tiziano Pasquali, 19 Marco Fuser, 20 Marco Lazzaroni, 21 Toa Halafihi, 22 Tito Tebaldi, 23 Tommy Allan
Arbitro: Pierre Brousset
Marcatori: 4′ m. Ringrose, 8′ m. Budd tr. Keatley, 14′ m. Ringrose tr. Sexton, 29′ m. Kelleher tr. Sexton, 43′ m. Sexton, 50′ m. Faiva tr. Keatley, 68′ m. Ringrose tr. Sexton
Cartellini gialli: 28′ Quaglio

This poll is no longer accepting votes

Vota il Buttiga Player of the Year 2019
7727 votes
VotaRisultati

4 commenti su “Champions Cup: con il Leinster Treviso lotta ma Ringrose la punisce

  1. Il maggior talento di alcuni giocatori ha fatto la differenza , ma testa , gioco e ritmo ora in Benetton è da livelli alti , una nota positiva è che oggi l’arbitro ci ha rispettato .

  2. È andata più o meno come avevo previsto prima della partita, quindi i ragazzi hanno fatto il proprio lavoro. Infatti senza la loro quinta meta avremmo avuto il bonus difensivo ma come sempre gli irlandesi qualcosa devono rubacchiare e, quindi, un in avanti di Van ciapei si trasforma in un’inesistente placcaggio alto di Hayward.
    Ma ci è andata di lusso con un arbitro gallese, uno a caso, sarebbero stati due gialli e un rosso. Questa è la differenza tra pro14 e CC

  3. Il problema è che in CC ci sono arbitri diversi e meno asserviti,resta il atto che con una FIR diversa un minimo di rispetto ci sarebbe….

Rispondi