All Blacks: 26 nomi per il dopo Steve Hansen

La Federazione neozelandese ha il curriculum di tantissimi allenatori in vista della scelta del nuovo ct. E la scelta sarà ben diversa da quella che vediamo da anni in Italia.

C’è Ian Foster, attuale assistente di Steve Hansen; c’è Jamie Joseph, il tecnico che ha portato il Giappone ai quarti di finale; c’è Steve Robertson, l’allenatore che ha vinto tutto con i Crusaders. Nomi già fatti, già sentiti. Ma con loro ci sono altri 23 candidati per prendere il posto del ct degli All Blacks che ha lasciato dopo la Rugby World Cup.

Il terzo posto all’ultimo Mondiale è stato vissuto ovviamente come un fallimento in Nuova Zelanda e, allora, la Federazione non vuole lasciare niente al caso. Gli All Blacks cercano un nuovo ct dopo l’addio di Steve Hansen e Brett Impey, numero uno federale, ha fatto sapere che ci sono 26 candidati fra allenatori neozelandesi, stranieri, del Super Rugby o di club esteri.

Una svolta (che poi si vedrà se confermata nella scelta finale) rispetto al passato, con gli All Blacks che hanno sempre avuto la regola di pescare il proprio ct o tra gli assistenti del tecnico del momento (come fu Steve Hansen dopo l’addio di Henry Graham) o un tecnico che lavora stabilmente in Nuova Zelanda.

Profili che, dunque, fino a poco tempo fa escludevano nomi come Dave Rennie o Warren Gatland, ma che ora potrebbero dunque essere tornati in corsa per il posto di head coach della Nuova Zelanda.

Una nota a margine. Impey, parlando delle candidatura, ha evidenziato con forza un concetto. “Abbiamo reso ben chiaro il fatto che chiunque sia coinvolto nel processo di selezione lo debba fare insieme a un suo staff tecnico”. Un suo staff tecnico. Cioè non c’è un allenatore di grido e, attorno, si piazza un po’ chi capita. C’è un head coach esperto che seleziona i suoi assistenti e, con questi, presenta la candidatura per guidare gli All Blacks. Dobbiamo fare l’elenco di assistant coach dell’Italia piazzati dalla Federazione e non scelti dal ct di turno, o ci evitiamo lo strazio?

Vota il Buttiga Player of the Year 2019
5125 votes

2 commenti su “All Blacks: 26 nomi per il dopo Steve Hansen

  1. Duccio buongiorno; grazie ma no, è meglio che quell’ elenco non lo facciamo, altrimenti ci viene da piangere. O da ridere. O tutti e due. E ci roviniamo la giornata e la visione della partita delle ragazza sulla RAI e quindi anche tutto il fine settimana. Che già i tempi sono calamitosi causa meteo. Attendo impaziente, sull’ argomento de quo, commento del mio amico @fracasso.

Rispondi