Mondiali 2019: Giappone eroico, il Sudafrica vince nella ripresa

Si è concluso a Tokyo l’ultimo quarto di finale della Rugby World Cup e decise, dunque, le semifinali.

Dura un tempo un Giappone spettacolare, che affronta il Sudafrica senza paura, rischia tanto e per un tempo spaventa de Klerk e compagni. Ma quando, nella ripresa, gli Springboks alzano il ritmo e i nipponici finiscono la benzina il gap si fa ampio e per i padroni di casa la favola finisce a Tokyo.

Leggi la cronaca completa su OA Sport.

GIAPPONE – SUDAFRICA 3-26

Domenica 20 ottobre, ore 12.15 – Tokyo Stadium, Tokyo
Giappone: 15 Ryohei Yamanaka, 14 Kotaro Matsushima, 13 Timothy Lafaele, 12 Ryoto Nakamura, 11 Kenki Fukuoka, 10 Yu Tamura, 9 Yutaka Nagare, 8 Kazuki Himeno, 7 Pieter Labuschagne, 6 Michael Leitch, 5 James Moore, 4 Luke Thompson, 3 Jiwon Koo, 2 Shota Horie, 1 Keita Inagaki
In panchina: 16 Atsushi Sakate, 17 Isileli Nakajima, 18 Asaeli Ai Valu, 19 Wimpie van der Walt, 20 Amanaki Lelei Mafi, 21 Fumiaki Tanaka, 22 Rikiya Matsuda, 23 Lomano Lava Lemeki
Sudafrica: 15 Willie le Roux, 14 Cheslin Kolbe, 13 Lukhanyo Am, 12 Damian de Allende, 11 Makazole Mapimpi, 10 Handré Pollard, 9 Faf de Klerk, 8 Duane Vermeulen, 7 Pieter-Steph du Toit, 6 Siya Kolisi, 5 Lood de Jager, 4 Eben Etzebeth, 3 Frans Malherbe, 2 Bongi Mbonambi, 1 Tendai Mtawarira
In panchina: 16 Malcolm Marx, 17 Steven Kitshoff, 18 Vincent Koch, 19 RG Snyman, 20 Franco Mostert, 21 Francois Louw, 22 Herschel Jantjies, 23 Frans Steyn
Marcatori: 4′ m. Mapimpi, 20′ cp. Tamura, 43′ cp. Pollard, 49′ cp. Pollard, 65′ m. de Klerk tr. Pollard, 70′ m. Mapimpi
Cartellini gialli: 10′ Mtawarira

4 commenti su “Mondiali 2019: Giappone eroico, il Sudafrica vince nella ripresa

  1. Giappone che per un’ora fa vedere come si gioca con gente più grossa di te. Peccato che Barnes per 80’ faccia vedere un mezzo scempio col fischietto.
    Comunque vedendo i quarti di oggi non vedo come Galles o saf possano impensierire l’altra finalista

  2. Un irlandese in semifinale: Felix Jones. Contentissimo per lui. Bravo Rassie a preparare la partita: a parte la scemenza di giocare la mischia in 7, Bokke sempre sul pezzo e senza sbavature. Giusto rispetto per un avversario che se avesse retto anche oggi ritmi, accuratezza e velocità tenuti nel girone sarebbe stato pronto per il Marte Championship.

Rispondi