Mondiali 2019: Polledri e Steyn nel XV più forte

Secondo i dati raccolti da Opta le due terze linee azzurre rientrerebbero nella formazione ideale della fase a gironi. E Jake…

Chiusa la prima fase della Rugby World Cup si sprecano articoli e classifiche sui più bravi, sulle sorprese, sui flop della fase a gironi in Giappone. Opta, società specializzata in statistiche, ha stilato il suo personale XV ideale dei Mondiali guardando esclusivamente ai numeri.

A giocarsi un posto in squadra tutti i giocatori che hanno accumulato almeno 160 minuti in campo nelle prime quattro partite del torneo, valutando i dati sulle mete realizzate, i metri corsi, i difensori battuti e altri dati numerici oggettivi.

E nel XV più forte, statisticamente parlando, della prima fase dei Mondiali ci sono ben due azzurri. Entrambi in terza linea. Si tratta di Braam Steyn e Jake Polledri che, secondo i numeri della prima fase, sono i migliori flanker (ma Steyn con il Canada ha giocato da numero 8, ndr.) del torneo. Non solo, perché secondo le statistiche Jake Polledri è addirittura il miglior giocatore dei Mondiali sino a oggi.

XV MIGLIORE

15 Telusa Veainu (Tonga)
14 Kotaro Matsushima (Giappone)
13 Gary Ringrose (Irlanda)
12 Samu Kerevi (Australia)
11 Semi Radradra (Fiji)
10 Finn Russell (Scozia)
9 Gareth Davies (Galles)
8 Kazuki Himeno (Giappone)
7 Jake Polledri (Italia)
6 Braam Steyn (Italia)
5 Jonny Gray (Scozia)
4 Guido Petti (Argentina)
3 WP Nel (Scozia)
2 Julian Montoya (Argentina)
1 Nahuel Tetaz Chaparro (Argentina)

Un commento su “Mondiali 2019: Polledri e Steyn nel XV più forte

  1. solo perché parisse non ha fatto 160′ per colpa della WR cattiva (ma su questo devo ancora convincermi che non ci fosse una soluzione possibile e che quindi abbiano fatto tutto il possibile), altrimenti vedi chi era il migliorissimo! d’altra parte contro il SAF non aveva statistiche che il miglior McMucca scansate proprio?!

Rispondi