Mondiali 2019: il Galles vince, ma l’Uruguay è da applausi

I sudamericani, nonché dominati territorialmente, fanno soffrire i ben più quotati britannici.

Quattro anni fa era la cenerentola del torneo, con quattro sconfitte su quattro, 2 sole mete segnate, 26 subite. La peggior squadra dei Mondiali. Quattro anni dopo, invece, l’Uruguay è la sorpresa più bella in Giappone, dopo aver battuto le Fiji e, oggi, aver fatto sudare la vittoria a un Galles strafavorito.

Certo, le statistiche parlano di un match a senso unico (73% di territorio nel primo tempo per il Galles), ma raccontano anche di un Uruguay che non cede. Ci vogliono 16 minuti ai britannici per sfondare, con Nicky Smith, per la prima meta, ma il piede di Berchesi risponde per due volte e il primo tempo si chiude con un Galles frustrato e avanti solo 7-6.

Musica che non cambia nella ripresa, con il Galles che alza il ritmo, segna abbastanza velocemente con Josh Adams, ma poi si vede due mete annullate per avanti, mentre l’Uruguay soffre tantissimo, riceve un giallo per l’ennesimo fallo e al 66′ arriva la meta di punizione che chiude il discorso. Al 69′ l’Uruguay si regala anche una bella azione offensiva, conquista il fallo e va in touche nei 22 gallesi. E al 71′ arriva la meta con German Kessler che fa esplodere l’entusiasmo dei tifosi sudamericani. Al 74′, finalmente, il Galles conquista il bonus con la meta di Tomos Williams. Al 77′ sfonda Rhys Carre, crea il buco nella difesa dell’Uruguay, libera Hallam Amos, ma l’ala perde l’ovale prima di schiacciare e nulla di fatto.

GALLES – URUGUAY 35-13

Domenica 13 ottobre, ore 10.15 – Kumamoto Stadium, Kumamoto
Galles: 15 Leigh Halfpenny, 14 Josh Adams, 13 Owen Watkin, 12 Hadleigh Parkes, 11 Hallam Amos, 10 Rhys Patchell, 9 Aled Davies, 8 Aaron Wainwright, 7 Justin Tipuric, 6 Aaron Shingler, 5 Adam Beard, 4 Bradley Davies, 3 Dillon Lewis, 2 Ryan Elias, 1 Nicky Smith
In panchina: 16 Elliot Dee, 17 Rhys Carre, 18 Wyn Jones, 19 Jake Ball, 20 Ross Moriarty, 21 James Davies, 22 Tomos Williams, 23 Gareth Davies
Uruguay: 15 Gaston Mieres, 14 Leandro Leivas, 13 Juan Manuel Cat, 12 Andres Vilaseca, 11 Nicolas Freitas, 10 Felipe Berchesi, 9 Santiago Arata, 8 Alejandro Nieto, 7 Santiago Civetta, 6 Juan Manuel Gaminara, 5 Manuel Leindekar, 4 Ignacio Dotti, 3 Diego Arbelo, 2 German Kessler, 1 Mateo Sanguinetti
In panchina: 16 Guillermo Pujadas, 17 Juan Echeverria, 18 Juan Pedro Rombys, 19 Diego Magno, 20 Manuel Diana, 21 Agustin Ormaechea, 22 Tomas Inciarte, 23 Rodrigo Silva
Marcatori: 16′ m. Smith tr. Halfpenny, 21′ cp. Berchesi, 38′ cp. Berchesi, 49′ m. Adams tr. Halfpenny, 66′ m.t. Galles, 71′ m. Kessler tr. Berchesi, 74′ m. Williams tr. Halfpenny, 80′ m. G.Davies tr. Halfpenny
Cartellini gialli: 65′ Civetta

Foto – Rugby World Cup

Rispondi