Mondiali 2019: un torneo falsato? In effetti…

Il tifone che si è abbattuto sul Giappone e le scelte di World Rugby faranno discutere a lungo, anche dopo la fine della Rugby World Cup.

Si sta abbattendo sul Giappone in queste ore il tifone Hagibis e questa mattina non si sono giocate due partite della Rugby World Cup. A saltare, come ben noto, sono state Italia-Nuova Zelanda e Francia-Inghilterra. E se la prima aveva poco da dire, con gli All Blacks strafavoriti d’obbligo, la sfida tutta europea metteva in palio il primo posto nel girone C.

Primo posto che, grazie alla cancellazione del match, è andato all’Inghilterra, con la Francia che si è dovuta accontentare della seconda piazza. Se è vero che entrambe le squadre erano già qualificate, il non aver potuto giocarsi in campo la posizione falsa di fatto la composizione dei quarti di finale e condiziona in maniera importante l’intero tabellone della fase a eliminazione diretta. Continua a leggere su OA Sport.

Un commento su “Mondiali 2019: un torneo falsato? In effetti…

  1. Scusate ma nessuno ha evidenziato che è grave a prescinedere che non si giochino 2 partite di un campionato del mondo, fosse stata anche Canada Namibia.
    Inoltre, secondo la matematica, entrambe le partite potevano cambiare la classifica dei gironi, perciò il torneo è decisamente falsato, con una decisione politica e non sportiva, che ancora una volta decreta il carattete elitario di questo sport.
    Tra l’altro a mio avviso delle 4 quella che si avvantaggia di più è decisamente l’Inghilterra, che si risparmia una partita dura e arriva prima letteralmente a passeggio.

Rispondi