Mondiali 2019: l’Irlanda doma le Samoa e va ai quarti

Si è conclusa a Fukuoka l’unica partita in programma oggi nella Rugby World Cup in Giappone. Irlanda più forte dell’espulsione.

Vince l’Irlanda e va ai quarti di finale senza bisogno di aspettare Giappone-Scozia. Vince l’Irlanda e lo fa nonostante un rosso oggettivamente esagerato a Bunkee Aki, che però costerà caro in chiave fase a eliminazione per la squadra di Joe Schmidt. E le Samoa? Si confermano tra le peggiori nazionali di questo Mondiale.

Parte subito forte l’Irlanda che spinge, con le Samoa immediatamente fallose e dopo 4 minuti da una touche la maul irlandese va fino in fondo con Rory Best e vantaggio. Al 6′ un placcaggio non chiuso costa subito un cartellino giallo a Lam e Samoa in inferiorità numerica per 10 minuti. Ancora Irlanda, ancora fallo samoano e al 9′ è Tadgh Furlong che sfonda di potenza e seconda meta irlandese. E’ un’Irlanda dominante, che cambia continuamente attacchi, lasciando alle Samoa veramente pochi punti di riferimento in difesa. Così allo scadere del primo quarto di gara è Jonathan Sexton ad andare oltre e 21-0.

Sbaglia anche l’Irlanda, commette qualche errore di troppo e al 25′ è il rientato Jack Lam ad andare in meta. Poco dopo, però, il match rischia di cambiare. Al 28′ Bundee Aki fa un placcaggio alto (chiudendolo però), ma per Nic Berry è un intervento da rosso, sinceramente appare molto esagerato, e Irlanda che resta in inferiorità per oltre 50 minuti. Irlanda che sbaglia troppo palla in mano, regala ovali ai samoani che riprendono fiducia. Passano i minuti, Irlanda che si affida all’indisciplina pacifica per risalire il campo, si porta nuovamente sui 5 metri e ottiene una mischia. E Sexton regala una giocata fantastica. Finta il passaggio e buca la difesa per la seconda meta personale e quarta per l’Irlanda che conquista il bonus prima dell’intervallo.

E’ sempre l’Irlanda a dominare a inizio ripresa, nonostante l’inferiorità, con le Samoa in grande difficoltà. E al 48′ ecco la quinta meta con Jordan Larmour che si fa trovare al largo da solo e Irlanda che scappa via definitivamente. Già dieci punizioni concesse dalle Samoa e l’arbitro minaccia un altro giallo, mentre sembrano i pacifici in inferiorità numerica talmente soffrono. E al 59′ il giallo arriva per TJ Ioane per l’ennesimo fallo commesso.

Al 62′ va nuovamente oltre l’Irlanda con Jean Kleyn, ma non è evidente che il giocatore schiacci, così Nic Berry torna sul placcaggio in ritardo su CJ Stander di Kane Le’aupepe, che evita un altro giallo. Arriva, invece, la meta al 65′, dopo un lungo assedio irlandese a un passo dalla linea, e a segnare è proprio di Stander. A segno va al 70′ anche Andrew Conway che schiaccia l’ovale dopo un bel calcetto di Joey Carbery.

IRLANDA – SAMOA 47-5

Sabato 12 ottobre, ore 12.45 – Fukuoka Hakatanomori Stadium, Fukuoka
Irlanda: 15 Jordan Larmour, 14 Keith Earls, 13 Robbie Henshaw, 12 Bundee Aki, 11 Jacob Stockdale, 10 Jonathan Sexton, 9 Conor Murray, 8 CJ Stander, 7 Josh van der Flier, 6 Tadhg Beirne, 5 James Ryan, 4 Iain Henderson, 3 Tadhg Furlong, 2 Rory Best, 1 Cian Healy
In panchina: 16 Niall Scannell, 17 Dave Kilcoyne, 18 Andrew Porter, 19 Jean Kleyn, 20 Peter O’Mahony, 21 Luke McGrath, 22 Joey Carbery, 23 Andrew Conway
Samoa: 15 Tim Nanai-Williams, 14 Ahsee Tuala, 13 Alapati Leiua, 12 Henry Taefu, 11 Ed Fidow, 10 Ulupano Seuteni, 9 Dwayne Polataivao, 8 Jack Lam, 7 TJ Ioane, 6 Chris Vui, 5 Kane Le’aupepe, 4 Teofilo Paulo, 3 Michael Alaalatoa, 2 Seilala Lam, 1 Logovii Mulipola
In panchina: 16 Ray Niuia, 17 Paul Alo-Emile, 18 Jordan Lay, 19 Piula Faasalele, 20 Josh Tyrell, 21 Pele Cowley, 22 Tusi Pisi, 23 Kieron Fonotia
Marcatori: 4′ m. Best tr. Sexton, 9′ m. Furlong tr. Sexton, 20′ m. Sexton tr. Sexton, 25′ m. Lam, 39′ m. Sexton, 48′ m. Larmour tr. Sexton, 65′ m. Stander tr. Carbery, 70′ m. Conway tr. Carbery
Cartellini gialli: 6′ Lam, 59′ Ioane
Cartellini rossi: 28′ Aki

Foto – Rugby World Cup

6 commenti su “Mondiali 2019: l’Irlanda doma le Samoa e va ai quarti

  1. Molto contento di aver visto un neck-roll (credo il primo) fischiato al mondiale. Peccato non fosse l’unico, e sta “protezione selettiva” dei giocatori mi da sui nervi molto più di tanti errori arbitrali.
    Comunque Irlanda estremamente performante, aiutata anche da Samoa che in attacco si è vista forse 2 o 3 volte. Ora ad aspettare se saranno Springboks (senza Kolbe?) o All Blacks (che non vedo impensieribili dall’Irlanda vista fino ad ora però).

    1. Nessuno mi toglie dalla testa che se il mondiale si fosse giocato altrove le partite di questo girone sarebbero andate in modo molto diverso

      1. L’unica partita forse col risultato diverso sarebbe potuta essere stata Giappone v Irlanda, dubito che le altre sraebbero state tanto diverse, Russia e Samoa avrebbero perso le loro partite con le altre 3 e la Scozia non mi pare che negli ultimi 5 anni abbia vinto tanto con l’Irlanda.

        Detto questo il Giappone ha distrutto l’Irlanda tatticamente e meritatamente, goni discorso a se per me sta a zero

        1. Hai sicuramente ragione Stefo, ma oggi ho visto un arbitraggio sicuramente ‘severo’ con l’Irlanda. E Giappone Samoa poteva finire tranquillamente 4-0, non 5-0. Sulla prima i poveri russi hanno avuto un hia dopo qualche minuto gratis. Non che sarebbe diversamente, ovvio. Su Irlanda-Giappone certamente pessima Irlanda e ottimo Giappone ma chiamate quantomeno diverse dal solito. E questo basta e avanza. Poi domani vedremo con la Scozia, se giocheranno . Mi dispiace perché il Giappone non aveva bisogno di tratamenti particolari. Sembra un po’, mutatis mutandis, il Sudafrica nel 1995

          1. Per me il rosso ad Aki ci stava, queste sono le direttive e di rossi come quello di Aki alla JWC ne erano fioccati diversi.
            Penso alla dinamica pero’ e penso che il rosso in partita sia abbastanza perche’ Aki ha solo imperizia in quella dinamica ma non ci fosse malizia.

            Giappone: di nuovo un primo tempo oggi da manuale e 3 mete ad 1, per me si stanno meritando ogni risulato che stan facendo in questo Mondiale.

Rispondi