Pro 14: Zebre, l’espulsione lancia i Dragons

Si è conclusa a Parma la partita valevole per il secondo turno della Celtic League di rugby.

Costano carissimi i due gialli presi da Charlie Walker alle Zebre, che dopo il doppio vantaggio ottenuto nei primi 15 minuti soffrono, riescono a chiudere in vantaggio il primo tempo, ma il rosso all’ala inglese piega le gambe ai bianconeri e Newport può conquistare il successo.

Alle mete di Jacopo Bianchi all’8′ e di Giovanni Licata al 13′, infatti, segue il giallo a Walker al 19′ che costa la meta di punizione a favore di Newport, che impatta in superiorità numerica con la meta di Rhodri Williams al 23′. Allo scadere Joshua Renton si inventa una meta battendo veloce una punizione, ma tutto finisce qui. Appena iniziata la ripresa assurdo secondo giallo per Walker e Zebre in 14 per un tempo intero. Al 43′ forza una giocata Renton e segna Owen Jenkins, mentre al 48′ è Cioffi a sbagliare e arriva la meta del bonus e del sorpasso di Jordan Williams, con i Dragons che al 65′ allungano a +10. Al 70′ va di nuovo in meta Jenkins e match virtualmente chiuso per i Dragons. Non si ferma Newport, va ancora a segno altre due volte. A tempo scaduto meta di punizione per le Zebre, finisce 28-52, secondo ko e Zebre che in extremis conquistano almeno il primo punto in classifica.

Nel giorno della 52° apparizione da capitano di George Biagi (cifra che fa di lui il recordman di presenze da capitano della franchigia federale), le Zebre hanno aperto ufficialmente la loro stagione casalinga in Guinness PRO14. Avversari del XV di coach Bradley in questo secondo turno di campionato celtico sono stati i gallesi Dragons, reduci anch’essi come i multicolor da una sconfitta: un pesante 39 a 9 inflitto dal Munster al Thomond Park di Limerick nel primo finesettimana di gioco. Con dieci giocatori nazionali impegnati con l’Italia nel Mondiale in Giappone, le Zebre sono scese in campo confermando il blocco della formazione schierata sabato scorso a Murrayfield contro l’Edinburgh Rugby, introducendo però quattro volti nuovi nel XV titolare. Due di questi sono gli ex Azzurrini Massimo Cioffi e Michelangelo Biondelli che quest’oggi al Lanfranchi hanno bagnato il loro debutto ufficiale con la franchigia federale, proprio come la giovane apertura pratese Leonardo Mantelli, entrato a gara in corso dalla panchina.

Nei primi minuti faticano le Zebre ad avanzare nonostante il possesso mentre i Dragons chiudono il primo attacco al piede sondando la retrovia italiana.  La prima mischia vede ingaggiare bene il pack zebrato all’8°, con le fasi che portano il vantaggio dentro ai 22 gallesi, con Cioffi che va vinico alla segnatura. Dopo un raccogli e vai è Bianchi a sbloccare il tabellino al 9° con l’esordiente Biondelli a trasformare. Al 14° allunga il XV di coach Bradley con la meta di Licata: il siciliano intercetta l’attacco gallese sulla metà campo e s’invola sotto i pali. I Dragons rispondono al 17° con la touche nei 22 frutto del primo fallo della sfida fischiato contro la mischia chiusa delle Zebre. La maul è arginata, coi gallesi che giocano le fasi sui 5 metri chiuse con un pallone aperto al largo sinistro dove Walker ferma Talbot-Davies in aria. Il TMO supporta l’arbitro che assegna la meta tecnica e ammonisce l’ala inglese delle Zebre per il 14-7 a metà primo tempo. Dragons ancora protagonisti poco dopo; grazie al gioco al piede Cioffi subisce la pressione e arriva così il tenuto ai 5 metri dei padroni di casa. Dopo la touche ed alcuni raccoglie e vai è il capitano ospite Williams a segnare vicino ai pali, con l’ex Ospreys Davies a pareggiare al 24°. Risalgono le Zebre col primo fallo a favore ma la touche di Manfredi è rubata. Ci provano i Dragons in superiorità numerica avanzando sfruttando tutto il fronte d’attacco ma il gioco si ferma per un tentativo d’intercetto di Biagi prima del rientro di Walker. Il XV di Newport è nei 22 al 33° a sfruttare l’indisciplina italiana col sesto fallo: bene la difesa di casa che sale con Licata e ruba il possesso sul punto d’incontro con Lucchin. Il possesso sorride ora  stabilmente agli ospiti che attaccano ancora al 37° col direttore di gara che ostruisce Manfredi in un’azione pericolosa. Finale a tinte multicolor con l’avanzamento centrale di Licata, Cioffi e Bruno con l’azione che arriva nei 22 opposti. A tempo scaduto Gallagher fischia un fallo in ruck con Renton abile a giocare veloce e avanzare verso la meta vicino all’H parmigiana. Si va negli spogliatoi sul 21-14.

La ripresa comincia nel peggiore dei modi per le Zebre: il fischietto irlandese sventola il secondo giallo a Walker reo di non aver rilasciato il giocatore placcato al 41°. Pareggiano ancora i Dragons al 44° con la meta d’intercetto di Jenkins che trova il passaggio di Renton nei 22 italiani. In inferiorità reagiscono le Zebre che trovano un fallo sul punto d’incontro dopo un altro avanzamento di Licata, ma la rimessa in attacco è ancora persa al 49°. Sull’altro fronte da metà campo bella azione dell’estremo Williams che semina alcuni avversari ed accelerando trova la meta del bonus gallese sotto i pali per il primo vantaggio esterno 21-28 al 50°.  Biagi e compagni ci riprovano al 53° ma l’ovale è recuperato dagli ospiti che contrattaccano nei 22 con l’azione che si chiude con un errore di trasmissione che vanifica la superiorità al largo. Il pack gallese trova un altro fallo in mischia con Davies che al 65° va per i pali e porta i Dragons oltre il break 21-31. A 10 dalla fine un altro lungo multifase gallese va oltre la linea di meta: dopo alcune fase vicino ai  pali la quinta meta arriva alla bandierina destra con Jenkins. Allunga ancora il XV di Ryan che recupera l’ovale dopo una percussione di Mori e ribalta il fronte con Williams che serve Basham che segna sotto i pali. Monologo ospite nel finale: da una maul in attacco si stacca Keddie che segna nonostante il placcaggio subito. Orgoglio finale delle Zebre che all’ultimo minuto trovano il break con Tauyavuca, fermato irregolarmente. Ceciliani può lanciare due touche a tempo scaduto con Basham che ferma la maul in modo irregolare: Gallagher lo sanziona col giallo e la meta tecnica che vale il punto di bonus offensivo per le Zebre nella prima gara casalinga della stagione.

Le Zebre si ritroveranno alla Cittadella del Rugby di Parma lunedì 7 ottobre, aprendo la settimana di allenamenti in vista del terzo turno di Guinness PRO14, in programma sabato 12 ottobre a Llanelli contro i gallesi Scarlets.

Rispondi