Mondiali 2019: Irlanda, con la Russia per il bonus

La squadra di Joe Schmidt torna in campo oggi, alle 12.15, dopo il ko shock contro il Giappone. Obbligatorio vincere con quattro mete.

Alle 12.15 a Kobe, invece, si disputerà Irlanda-Russia. Da un punto di vista tecnico match che, oggettivamente, ha ben poco da dire. Troppo superiore per qualità, esperienza, quantità e forma fisica l’Irlanda rispetto a una Russia che nelle prime uscite ha mostrato qualcosa solo nel primo tempo contro un Giappone però bloccato dall’emozione dell’esordio. Da un punto di vista sportivo, però, la sfida diventa interessante soprattutto per i ragazzi di Joe Schmidt che tornano in campo dopo lo shock della sconfitta contro i nipponici. Non solo l’Irlanda dovrà dare un segnale di reazione, ma contro Russia e Samoa, ultimi due match della fase a gironi, dovrà vincere, convincere e conquistare i punti di bonus per non doversi affidare alle altre partite del girone per conquistare una qualificazione che, comunque, sembra facilmente alla portata.

IRLANDA – RUSSIA

Giovedì 3 ottobre, ore 12.15 – Kobe Misaki Stadium, Kobe
Irlanda: 15 Rob Kearney, 14 Andrew Conway, 13 Garry Ringrose, 12 Bundee Aki, 11 Keith Earls, 10 Jonathan Sexton, 9 Luke McGrath, 8 Jordi Murphy, 7 Peter O’Mahony, 6 Rhys Ruddock, 5 Jean Kleyn, 4 Tadhg Beirne, 3 John Ryan, 2 Niall Scannell, 1 Dave Kilcoyne
In panchina: 16 Sean Cronin, 17 Andrew Porter, 18 Tadhg Furlong, 19 Iain Henderson, 20 CJ Stander, 21 Joey Carbery, 22 Jack Carty, 23 Jordan Larmour
Russia: 15 Vasily Artemyev, 14 German Davydov, 13 Igor Galinovskiy, 12 Kirill Golosnitskiy, 11 Denis Simplikevich, 10 Ramil Gaisin, 9 Dmitry Perov, 8 Victor Gresev, 7 Tagir Gadzhiev, 6 Anton Sychev, 5 Bogdan Fedotko, 4 Andrey Garbuzov, 3 Kirill Gotovtsev, 2 Evgeny Matveev, 1 Andrei Polivalov
In panchina: 16 Stanislav Selskii, 17 Valery Morozov, 18 Vladimir Podrezov, 19 Andrey Ostrikov, 20 Evgeny Elgin, 21 Sergey Ianiushkin, 22 Roman Khodin, 23 Vladimir Ostroushko

Foto – Instagram/irishrugby

Rispondi