Mondiali 2019: il Galles vince la sfida più bella della RWC

Si è conclusa a Tokyo la supersfida di giornata tra Wallabies e britannici. Ecco come è andata, o guardatela questo pomeriggio su RaiSport.

Sfida spettacolare a Tokyo per il Galles e i Wallabies. Contro l’Australia il XV di Warren Gatland attacca, pressa, è concreto e veloce e mette fin da subito in seria difficoltà dei Wallabies che sbagliano troppo, con un Foley non in giornata. Con i cambi in mediana l’Australia rimonta nella ripresa, ma quando è pronta al sorpasso arrivano gli errori decisivi che danno vittoria e primo posto in classifica al Galles.

Leggi la cronaca su OA Sport.

AUSTRALIA – GALLES 25-29

Domenica 29 settembre, ore 9.45 – Tokyo Stadium, Tokyo
Australia: 15 Dane Haylett-Petty, 14 Adam Ashley-Cooper, 13 James O’Connor, 12 Samu Kerevi, 11 Marika Koroibete, 10 Bernard Foley, 9 Will Genia, 8 Isi Naisarani, 7 Michael Hooper, 6 David Pocock, 5 Rory Arnold, 4 Izack Rodda, 3 Allan Alaalatoa, 2 Tolu Latu, 1 Scott Sio
In panchina: 16 Jordan Uelese, 17 James Slipper, 18 Sekope Kepu, 19 Adam Coleman, 20 Lukhan Salakaia-Loto, 21 Nic White, 22 Matt Toomua, 23 Kurtley Beale
Galles: 15 Liam Williams, 14 George North, 13 Jonathan Davies, 12 Hadleigh Parkes, 11 Josh Adams, 10 Dan Biggar, 9 Gareth Davies, 8 Josh Navidi, 7 Justin Tipuric, 6 Aaron Wainwright, 5 Alun Wyn Jones, 4 Jake Ball, 3 Tomas Francis, 2 Ken Owens, 1 Wyn Jones
In panchina: 16 Elliot Dee, 17 Nicky Smith, 18 Dillon Lewis, 19 Aaron Shingler, 20 Ross Moriarty, 21 Tomos Williams, 22 Rhys Patchell, 23 Owen Watkin
Marcatori: 1′ dr. Biggar, 13′ m. Parkes tr. Biggar, 21′ m. Ashley-Cooper, 29′ cp. Foley, 33′ cp. Patchell, 37′ cp. Patchell, 38′ m. G.Davies tr. Parchell, 45′ dr. Patchell, 47′ m. Haylett-Petty tr. Toomua, 63′ m. Hooper tr. Toomua, 68′ cp. Toomua, 72′ cp. Patchell

Foto – Rugby World Cup

Un commento su “Mondiali 2019: il Galles vince la sfida più bella della RWC

  1. Partitona, la migliore del mondiale fino ad ora. Australia che si sveglia tardi. Un primo tempo a subire un Galles non solo abrasivo, ma estremamente efficace in attacco e al solito organizzatissimo in difesa.
    Foley non è quello del 2015, molto conservativo e a tratti impreciso, Genia andava al doppio della velocità. Poi è entrato Toomua che ha capito come mettere molti più interrogativi alla difesa gallese, e mostrato come deve giocare l’Australia per imporsi: velocità, ruck da 2-3 secondi, passaggi right before contact e allargare (anche con qualche rischio) solo dopo aver preso abbrivio in mezzo al campo, facendo correre le gambe. Con Toomua, Beale e O’Connor in campo contemporaneamente han 3 playmakers che possono far la differenza.
    Comunque un Galles che si sapeva sarebbe stato ostico per chiunque, ma ieri han saputo resistere alla grande ad una tale pressione.
    Tralascio sui fischi di Poite, che Hooper ha anche ragione.

Rispondi