Pro 14: Zebre, pesante ko a Edimburgo

Si è disputata questa sera la sfida d’esordio dei biancoverdi al Murrayfield. Ecco come è andata.

Sette mete a due, il bonus conquistato già dopo poco più di mezz’ora. Edimburgo vince all’esordio e lascia le briciole a delle Zebre che, ahimé, ripartono da dove le avevamo lasciate. Una sconfitta fuori casa mai messa in discussione e dove l’unica nota lieta sono le due mete di Licata. finisce 50-15 e per le Zebre è un avvio da incubo.

Gli 80’ delle Zebre cominciano subito con una touche nei 10 metri offensivi. Gli scozzesi forzano il turnover in maul e liberano al piede dopo l’introduzione in mischia chiusa. Secondo fallo per le Zebre al 5’. L’Edinburgh Rugby entra nei 22 ospiti e costruisce la prima marcatura del match in seconda fase con Douglas. Il seconda linea segna in raccogli-e-vai e Van Der Walt firma il 7 a 0. Al 10’ i multicolor si rendono autori della prima azione alla mano nata da una touche a metà campo. Walker cerca gli spazi, ma è nulla di fatto sull’in-avanti. C’era comunque il vantaggio e Brummer accorcia lo score dalla piazzola. Il numero 10 in maglia bianca ci riproverà al 14’ con un  drop da metà campo. Il tentativo è preciso ma corto e si resta sul 7 a 3. Lunga azione dell’Edinburgh Rugby che al 16’ risale il campo con buone linee di corsa. Forte del vantaggio, Van Der Walt inventa al piede e Bennett va a segno per il 14 a 3. La reazione delle Zebre è però immediata: al 16’ Giovanni Licata stoppa un calcio di liberazione dai 22 e va a schiacciare l’ovale rotolante in meta. Brummer non completa il gioco da 7 punti e si resta sul 14 a 8.

Tempo 2’ e a Licata risponde il capitano Groom che completa il coast to coast dell’Edinburgh Rugby. Van der Walt converte e fissa il parziale sul 21 a 8. Le Zebre ci riprovano al 28’ dopo essere rientrate nei 22 rivali, complice un fallo a metà campo dei padroni di casa. Il XV di Cockerill sporca il possesso in maul e risale il campo dalla mischia chiusa. L’Edinburgh Rugby ci prova al piede, ma Brummer fa buona guardia e, dopo aver annullato in area di meta, libera col drop dai suoi 22. Gli Scozzesi ripartono da touche e sfruttano la superiorità numerica a largo, trovando la quarta meta dell’incontro al 34’ col centro Matt Scott. Il piede di Van der Walt è impeccabile e al 37’ il punteggio dice Edinburgh Rugby 28, Zebre 8. Prima dello scadere della prima frazione il numero 10 firmerà anche il suo 5° tentativo dalla piazzola, portando i suoi sul 31 a 8.

Nella ripresa le Zebre provano subito a costruire nei primi minuti. Un lancio in touche a metà campo accende il gioco dei multicolor che sono però imprecisi nella trasmissione. Un in-avanti di Licata lungo l’out di sinistra regala ai rivali un’introduzione in mischia. Dopo un buon avvio di secondo tempo, le Zebre concedono al 48’ la quinta marcatura ai padroni di casa che, dopo aver intercettato l’ovale dei multicolor, vanno a segno con Bennett. Van der Walt è una macchina e sigla il suo sesto tentativo dalla piazzola. Girandola di cambi nei minuti centrali della ripresa e ritmo costantemente spezzettato. Il trend della gara non sembra impensierire l’Edinburgh Rugby che adesso si limita ad arginare i tentativi offensivi degli ospiti.

Al 64’ Walker inventa al piede per se stesso e va a guadagnarsi un importante fallo oltre la metà campo. Il calcio di Brummer supera però la linea di meta e si ritorna a giocare con una mischia a favore della squadra di casa. Squillo delle Zebre al 70’: Bruno evita il difensore e ricicla per il neo entrato Federico Mori che pesta sulle gambe e va a schiacciare sotto i pali. Brummer converte il tentativo dalla piazzola e rende lo score meno amaro sul 38 a 15. I multicolor crescono nel finale di gara, ispirati dalle invenzioni di Brummer e Bruno, ma subiranno la sesta meta della gara, segnata nuovamente da Bennett. Il centro dell’Edinburgh Rugby – nominato man of the match allo scadere, riceve l’assist del neo entrato Hickey che risolve l’uno contro uno col compagno di reparto. Sul finale c’è ancora tempo per un’ultima marcatura per l’Edinburgh Rugby. A segnarla è l’ala Farndale che schiaccia alla bandierina. Il tentativo dalla piazzola di Hickey questa volta è impreciso, ma gli scozzesi chiudono abbondantemente la pratica sul 50 a 15.

EDIMBURGO – ZEBRE 50-15

Sabato 28 settembre, ore 20.35 – Murrayfield, Edimburgo
Edimburgo: 15 Damien Hoyland, 14 Jamie Farndale, 13 Mark Bennett, 12 Matt Scott, 11 Duhan van der Merwe, 10 Jaco van der Walt, 9 Nic Groom, 8 Nick Haining, 7 Luke Crosbie, 6 Lewis Carmichael, 5 Murray Douglas, 4 Fraser McKenzie, 3 Pietro Ceccarelli, 2 Dave Cherry, 1 Pierre Schoeman
In panchina: 16 Mike Willemse, 17 Jamie Bhatti, 18 Murray McCallum, 19 Mesu Kunavula, 20 Ally Miller, 21 Charlie Shiel, 22 Simon Hickey, 23 George Taylor
Zebre: 15 Charlie Walker, 14 James Elliott, 13 Ludovico Vaccari, 12 Enrico Lucchin, 11 Paula Balekana, 10 Francois Brummer, 9 Joshua Renton, 8 Giovanni Licata, 7 Johan Meyer, 6 Iacopo Bianchi, 5 Ian Nagle, 4 Mick Kearney, 3 Alexandru Tarus, 2 Marco Manfredi, 1 Danilo Fischetti
In panchina: 16 Massimo Ceciliani, 17 Daniele Rimpelli, 18 Giosué Zilocchi, 19 George Biagi, 20 Apisai Tauyavuca, 21 Nicolò Casilio, 22 Pierre Bruno, 23 Federico Mori
Marcatori: 5′ m. McKenzie tr. van der Walt, 11′ cp. Brummer, 16′ m. Bennett tr. van der Walt, 19′ m. Licata, 22′ m. Groom tr. van der Walt, 33′ m. Scott tr. van der Walt, 40′ cp. van der Walt, 48′ m. Bennett tr. van der Walt, 68′ m. Licata tr. Brummer, 73′ m. Bennett tr. Hickey, 79′ m. Farndale

Rispondi