Test match: All Blacks e Scozia, due vittorie diverse

Ieri si sono giocate altre due amichevoli in vista dei Mondiali e le favorite hanno vinto. Ma la Scozia ha sofferto.

Oltre a Giappone-Sudafrica e Inghilterra-Italia ieri (e nella notte di oggi) si giocavano anche Scozia-Georgia e Nuova Zelanda-Tonga. Due sfide sulla carta già scritte e il risultato finale non ha tradito le attese. Ma due match molto diversi tra loro.

Vince 36-9 la Scozia, ma lo fa grazie solo alla netta superiorità nel finale di partita. Una partita nervosa (3 gialli, due geoegiani e uno scozzese) e che resta in equilibrio a lungo. Alle mete, non trasformate, di Ali Price (17′) e  Blair Kinghorn (23′) risponde il piede di Tedo Abzhandadze che permette alla Georgia di chiudere il primo tempo sotto solo 10-9. Poi la Scozia va oltre break al 50′ con la meta di Sam Johnson, ma bisogna aspettare gli ultimi 10 minuti per l’allungo decisivo. Darcy Graham al 69′ e George Horne al 71′ chiudono il discorso, mentre Peter Horne al 77′ fissa il punteggio finale sul 36-9.

Ben diverso l’incontro tra All Blacks e Tonga. Qui il dominio tuttonero non ha storia. Basta un quarto di gioco per mettere in chiaro chi comanda. Sevu Reece al 9′, Ben Smith al 16′ e Codie Taylor al 20′ fissano subito il punteggio sul 21-0 contro i tongani incapaci di reagire. E il primo tempo è un massacro con le mete di George Bridge (27′), Kieran Read (33′), TJ Perenara (36′), Ben Smith (38′) e Ryan Crotty (40′) per un clamoroso 54-0 all’intervallo. E l’inizio della ripresa non cambia. George Bridge al 41′, Matt Todd al 46′ e Ardie Savea al 47′ portano subito il punteggio su un imbarazzante 71-0. Il resto è solo utile per le statistiche. George Bridge al 53′, ancora George Bridge al 57′ e Ryan Crotty al 65′ fanno lievitare il gap fino al 92-0. E Tonga? Al 77′ va in meta con Siale Piutau per il 92-7 finale, ma nulla più.

Foto – Instagram/allblacks

Rispondi