Test match: in Inghilterra l’Italia dura un tempo, poi è tracollo

Netto successo per i britannici, con gli azzurri che giocano alla pari per 40 minuti, ma sbagliano troppo in touche.

Troppe palle perse, moltissime in touche, e con il passare dei minuti cresce l’Inghilterra. L’Italia gioca alla pari con la squadra di Eddie Jones per un tempo, chiuso sul 9-0 per i padroni di casa, ma poi la mischia cede, la touche è imbarazzante e qualche errore in difesa fa la differenza.

Inizia palla in mano l’Italia, ma la difesa inglese continua a far arretrare gli azzurri fino all’avanti che dà il primo ovale ai padroni di casa. Un errore di Hayward regala un pericoloso attacco all’Inghilterra e fallo di Canna, con Farrell che trova i pali dopo 4 minuti di gioco. Bell’intervento in ruck di Tuivaiti che ruba palla e un fallo inglese fa risalire il campo agli azzurri. Una bella azione di Negri e Canna porta l’Italia sui 5 metri. Qui, però, l’Italia fatica a guadagnare metri, l’azione è lunghissima e, alla fine, quando Benvenuti è al largo perde l’ovale a un passo dalla meta. Bene l’Italia in difesa, Inghilterra che fatica a risalire il campo e lo stesso Benvenuti intercetta un ovale e fa perdere terreno ai padroni di casa. Al 19’ fuorigioco di Bellini e Farrell torna sulla piazzola.

Italia che prova a fare possesso, ma fatica a guadagnare terreno e quando perde palla Farrell la punisce con un calcio che lancia May, fermato però da un tenuto. Un po’ di errori da entrambe le palle, con Inghilterra e Italia che perdono banalmente un paio di possessi. Passano, così, i minuti con l’Italia che tiene il ritmo dei padroni di casa, anche se oggettivamente fatica in difesa e non riesce a costruire in attacco. Eddie Jones che al 34’ cambia gran parte della prima linea, oltre a Launchbury che esce per infortunio. Ci prova l’Italia, gioca bene, ma i padroni di casa non soffrono. Al 39’ nuovo fuorigioco azzurro e, anche questa volta, l’Inghilterra va per i pali e Farrell chiude il primo tempo sul 9-0.

A inizio ripresa azione convulsa e confusa, tenuto azzurro e Farrell va nuovamente sulla piazzola, ma questa volta sbaglia. Insiste l’Inghilterra, fatica tantissimo la difesa azzurra e al 45’ è Ben Youngs che schiaccia in meta per la prima marcatura dell’incontro. Poco dopo è lento Farrell nel calcio d’alleggerimento e Negri stoppa il pallone, Quaglio quasi ci arriva e Ben Youngs si rifugia in touche. Infortunio per lo stesso Negri, mentre l’Italia conquista un fallo e va in touche nei 22 inglesi. Ancora un fallo, ancora una touche, ma ancora una volta rimessa rubata dagli inglesi. Altra rimessa di Fabiani e questa volta viene fischiato il pallone storto, quarto errore azzurro. E, così, dopo l’occasione sprecata arriva la seconda meta inglese. Soffre l’Italia in mischia, parte l’Inghilterra palla a Joe Marchant che buca diversi placcaggi sbagliati e schiaccia troppo facilmente tra i pali per il 23-0. Entra Zani in prima linea, ma continuano le rimesse perse dall’Italia, che arrivano a sei, e l’Inghilterra può tornare ad attaccare.

Troppi errori di un’Italia che nella ripresa non ha messo l’aggressività e l’attenzione in campo che aveva nel primo tempo. Così continua il monologo inglese in attacco, Italia che fatica a reggere la forza d’urto del XV di Jones e al 68’ da una maul arriva la meta di Ellis Genge e inglesi che toccano cifra 30 punti. Al 74’ calcio stoppato a Palazzani e sul prosieguo dell’azione ecco che è Anthony Watson al largo ad andare facilmente oltre una difesa ormai in ginocchio.

INGHILTERRA – ITALIA 37-0

Venerdì 6 settembre, ore 20.45 – St James’ Park, Newcastle
Inghilterra: 15 Anthony Watson, 14 Ruaridh McConnochie, 13 Joe Marchant, 12 Piers Francis, 11 Jonny May, 10 Owen Farrell, 9 Ben Youngs, 8 Billy Vunipola, 7 Mark Wilson, 6 Tom Curry, 5 Courtney Lawes, 4 Joe Launchbury, 3 Dan Cole, 2 Jamie George, 1 Joe Marler
In panchina: 16 Luke Cowan-Dickie, 17 Ellis Genge, 18 Kyle Sinckler, 19 Charlie Ewels, 20 Matt Kvesic, 21 Willi Heinz, 22 George Ford, 23 Joe Cokanasiga
Italia: 15 Jayden Hayward, 14 Mattia Bellini, 13 Giulio Bisegni, 12 Tommaso Benvenuti, 11 Edoardo Padovani, 10 Carlo Canna, 9 Callum Braley, 8 Jimmy Tuivaiti, 7 Abraham Steyn, 6 Sebastian Negri, 5 Dean Budd, 4 David Sisi, 3 Simone Ferrari, 2 Oliviero Fabiani, 1 Nicola Quaglio
In panchina: 16 Federico Zani, 17 Andrea Lovotti, 18 Marco Riccioni, 19 Federico Ruzza, 20 Alessandro Zanni, 21 Maxime Mbanda, 22 Guglielmo Palazzani, 23 Tommaso Allan
Marcatori: 5’ cp. Farrell, 20’ cp. Farrell, 40’ cp. Farrell, 45’ m. Youngs tr. Farrell, 54’ m. Marchant tr. Farrell, 68’ m. Genge tr. Farrell, 74’ m. Watson tr. Farrell

Foto – Instagram/englandrugby

Rispondi