Rugby 7s: l’Italrugby è a Hong Kong! A Lodz è terzo posto

Vince in extremis l’Italia di Vilk contro la Georgia, conquista le semifinali a Lodz e un posto nel torneo di qualificazione alle World Series.

Inizio difficile per l’Italia contro la Georgia. Il primo tempo è un monologo dei nostri avversari, con tanti lunghi attacchi e azzurri che soffrono, difendono, ma non riescono ad avere possesso. Anche per colpa di due avanti di Pratichetti che sprecano le due occasioni per l’Italia. Così, a tempo scaduto, la Georgia colpisce e chiude il primo tempo avanti 7-0. Ancora Georgia a inizio ripresa, ma quando l’Italia ruba palla è Fadalti a involarsi al largo e a marcare per il -2 azzurro. Lungo attacco, ma sterile, dell’Italia che spreca più di un’occasione mentre il tempo passa pericolosamente. A tempo scaduto, però, quando tutto sembra perso palla rubata dagli azzurri e D’Onofrio vola per un coast to coast che vale il biglietto per Hong Kong e Italia che va in semifinale vincendo 12-7.

Italia che in semifinale affronta la Spagna, in un torneo che ha visto i flop di Inghilterra (fuori dai quarti di finale) e Francia (eliminata dalla Germania). E’ la Spagna a fare il match nel primo tempo, con un continuo pressing offensivo e Italia chiamata a difendere molto bene per lunghi minuti. Dopo 4 minuti di gioco, però, gli iberici sfondano per lo 0-7 con cui si sblocca il risultato. Nel finale di tempo gli azzurri non sfruttano la superiorità numerica per un giallo alla Spagna e si va al riposo con gli iberici avanti di una meta. A inizio ripresa è nuovamente D’Onofrio a scattare dai propri 22, lasciare gli spagnoli sul posto, poi la passa a Vian per la meta sotto i pali che vale il pareggio. Difende bene l’Italia, prova a contrattaccare senza fortuna e a poco meno di tre minuti dal termine va nuovamente in meta la Spagna per il +5. Azzurri che ci provano, ma non riescono a segnare e Spagna che vince 12-7 e azzurri che si giocheranno il bronzo.

Rivincita con l’Irlanda nella finalina e Italia che parte subito benissimo, ruba l’ovale agli avversari in avvio e dopo una lunga e complicata azione trova il varco vincente con Vian per la prima meta del match. Prova a reagire l’Irlanda, ma gli azzurri a Lodz difendono veramente bene e dopo un paio di minuti senza palla obbligano all’errore gli avversari. Dalla touche seguente palla che arriva nuovamente a Vian che ha davanti a sé un’autostrada e seconda meta personale per il numero 12 azzurro. L’ultimo attacco è irlandese, Vian viene ammonito per placcaggio alto ma quando i verdi sfondano vengono tenuti alti e si va al riposo sul 14-0 per l’Italia. A inizio ripresa, però, l’aggressività irlandese paga e dopo una manciata di secondi arriva la prima meta irish, che però non viene trasformata e azzurri che restano sopra il break. Soffre l’Italia in questa ripresa, con gli avversari che hanno cambiato ritmo, e al 3′ arriva la seconda meta dell’Irlanda che porta il punteggio sul 14-12. Un fallo in attacco placa la furia irlandese e alla prima occasione è Juan Wagenpfeil a segnare tra i pali e riportare l’Italia nettamente avanti sul 21-12 a tempo quasi scaduto.

Foto – Rafal Gaglewski

Rispondi