Olimpiadi 2020: l’Italseven delude e chiude settimo

Azzurri che appaiono ‘svogliati’ rispetto a ieri e non confermano le belle prestazioni della prima giornata.

Non è l’Italia brillante e vogliosa vista in campo contro il Portogallo ieri quella che si presenta oggi a Colomiers. Così gli azzurri, seppur nettamente sfavoriti, cedono nettamente contro l’Inghilterra prima e la Spagna, rifacendosi solo nell’ultimo match, seppur a fatica, contro la Georgia. Italia, dunque, che chiude settima, appena sotto il risultato che qui avevamo auspicato.

Italia – Inghilterra 0-35

Cerca di iniziare sul piede avanzante l’Italia, probabilmente esaltata dalla vittoria a sorpresa del Portogallo sulla Spagna poco prima. Al primo affondo inglese, però, Vian non rispetta i 10 metri e viene ammonito. Italia obbligata a essere fallosa per provare a difendere contro una forte Inghilterra e a metà tempo arriva la meta britannica tra i pali con Glover. Prova a reagire l’Italia, che comunque gioca alla pari contro l’armata inglese in questo primo tempo, ma a tempo scaduto perde una mischia a proprio favore e Inghilterra che allunga con Mitchell. Un buco a inizio ripresa chiude virtualmente il match, con la meta di Miur che fa scappare via l’Inghilterra. Un errore di Cioffi nega una chance palla in mano agli azzurri, che così vengono nuovamente puniti poco dopo, questa volta con Harris. Ora gli inglesi dominano e non hanno problemi a marcare nuovamente e il match si chiude con un netto 35-0 che condanna gli azzurri.

Italia – Spagna 7-47

E’ una semifinale a sorpresa quella per il quinto posto, con gli iberici battuti dal Portogallo nei quarti di finale. Sfida non facile per gli azzurri contro una squadra che aveva convinto sin qui. Azzurri che partono palla in mano, ma non trovano spazi e alla prima occasione è la Spagna a colpire senza difficoltà tra i pali. A metà primo tempo arriva la seconda meta, anche se sembra viziata da un incredibile avanti iberico non visto dall’arbitro. Match virtualmente chiuso alla ripresa del gioco, con la Spagna che recupera l’ovale e si invola senza difficoltà contro un’Italia brutta copia di quella vista ieri. Prova a reagire la squadra di Vilk, ma il bello scatto di Motta è vanificato dall’avanti nel momento del placcaggio. Italia che chiude il primo tempo in attacco, produce tanto bel gioco e chiude con D’Onofrio che schiaccia in meta per il 7-21 con cui si va al riposo. A inizio ripresa un pessimo passaggio beffa l’Italia che permette alla Spagna di recuperare l’ovale e segnare una meta facilissima che riporta gli iberici a +21. E continua ad allungare la Spagna, con l’Italia che difende male, ormai rassegnata al ko. Una alla rubata dà a D’Onofrio una nuova chance, ma il passaggio dell’azzurro è molle e facile da intuire e occasione sprecata. Non sbaglia, invece, la Spagna che scappa sempre più via nel punteggio e match che finisce sul 47-7 per la Spagna contro un’oggettivamente brutta Italia.

Italia – Georgia 21-19

Dopo le belle prestazioni di ieri, giornata a dir poco storta per gli azzurri, chiamati a una fiammata d’orgoglio finale contro la Georgia. E l’Italia inizia bene, attaccando fin da subito e andando in meta con Jannelli dopo due minuti di gioco. Prova a insistere la squadra di Vilk, ma un passaggio non perfetto fa perdere l’ovale agli azzurri. Ma subito riprende palla l’Italia ed è Massimo Cioffi, sin qui un po’ sottotono, a involarsi fino in meta e allungo netto degli azzurri. Mentre stanno cercando il colpo del ko, ecco che la Georgia ruba palla e può involarsi sino in meta per il 14-7 con cui si va al riposo. A inizio ripresa, però, è il solito ottimo Fadalti a beffare con una finta la retroguardia georgiana e ad andare in meta per il nuovo allungo azzurro. E’ ancora la Georgia a provare a rientrare in partita e a farlo con una meta al largo non trasformata, e Italia che resta comunque oltre break a +9. Insiste la Georgia, che così va in meta a due minuti dalla fine, riaprendo i giochi contro un’Italia troppo molle in difesa. Sbagliano gli azzurri, nervosi, e danno alla Georgia la chance del sorpasso a pochi secondi dal termine. Ma la touche sbagliata e un placcaggio pericoloso salvano gli azzurri, che in superiorità numerica perdono, però, nuovamente palla. Italia che si salva e conquista, a fatica, il settimo posto finale in un torneo oggi assolutamente deludente.

Un commento su “Olimpiadi 2020: l’Italseven delude e chiude settimo

Rispondi