Olimpiadi 2020: un bell’Italseven vola ai quarti

Con due vittorie i ragazzi di Andy Vilk conquistano un posto nella corsa a Tokyo.

Un’Italia convincente, bella da vedere contro il Portogallo – nella sfida più attesa di giornata – che soffre come ci si aspettava con la Francia, ma che poi non lascia scampo all’Ungheria. Due vittorie che valgono per gli azzurri i quarti di finale e la chance di giocarsi tutto contro l’Inghilterra domani.

Italia-Portogallo 19-12

Gli azzurri di Andy Vilk iniziano la loro avventura subito con la sfida più importante di giornata, quella contro il Portogallo, con cui sulla carta si giocano il secondo posto nel girone. Azzurri che ritrovano uno specialista come Fadalti e testano Brex. L’avvio, però, è lusitano, con l’Italia che difende bene per un paio di minuti, ma poi subisce la meta di Esteves per il vantaggio portoghese. Un ottimo break di Fadalti con offload perfetto, però, lancia poco dopo Brex che arriva fino in fondo e pareggio azzurro. E Italia che va avanti grazie all’indisciplina portoghese e meta di Pratichetti per il +7 azzurro. Ancora ottima la difesa azzurra e primo tempo che si chiude con l’Italia avanti 12-5. Azzurri che, però, devono garantirsi maggior possesso per non rischiare. E lo fanno ottimamente, costruendo un’azione in velocità – e anche un po’ fortunosa – con D’Anna che porta Fadalti in meta per il 19-5. Sempre attenta la difesa dei ragazzi di Vilk, che con alcuni innesti hanno fatto un bel salto di qualità rispetto al gioco visto a Mosca, ma a 2’30” dalla fine una distrazione costa la meta all’Italia e Portogallo che torna a distanza di break. Insistono i lusitani, Italia un po’ distratta, ma azzurri che recuperano l’ovale e arriva anche il giallo per il Portogallo a meno di un minuto dal termine. Italia che, però, perde la touche, ma recupera palla e vince, prenotando i quarti di finale.

Italia – Francia 10-34

E’ la sfida più dura di giornata, ma dove gli azzurri non possono deprimersi in vista del match finale contro l’Ungheria. E l’inizio è subito difficilissimo, con la Francia che va in meta dopo un minuto di gioco. Insistono i Bleus, di un altro livello rispetto al Portogallo, e al 3’ vanno nuovamente in meta. Ci prova l’Italia a rispondere, ma la Francia chiude tutti gli spazi e quando riconquista l’ovale va subito in meta. Ci prova ancora l’Italia, ma nulla di fatto e si va al riposo sullo 0-19. Non cambia la ripresa, con la Francia subito in meta dopo un minuto di gioco. E ancora dopo tre minuti arriva un’altra marcatura, ma questa volta l’Italia risponde con la meta di D’Onofrio, ma subito dopo colpisce ancora la Francia. Segna anche Guardiano una bella meta per il 34-10 finale per la Francia.

Italia – Ungheria 38-0

Gli azzurri chiudono la prima giornata con la sfida con l’Ungheria, sulla carta la sfida più facile, ma dove l’Italia non può assolutamente permettersi passi falsi clamorosi. Azzurri un po’ contratti all’inizio, ma dopo due minuti D’Onofrio si infila nella distratta difesa ungherese e vantaggio Italia. Domina la squadra di Vilk e poco dopo va nuovamente in meta, questa volta con Gianmarco Vian. Azzurri un po’ disattenti dopo il doppio vantaggio, così non fanno male e rischiano, anche se il primo tempo si chiude con un 10-0 rassicurante. A inizio ripresa è ancora Vian a marcare, al termine di un’azione volenterosa ma confusa degli azzurri. Una touche battuta veloce lancia Guardiano in attacco, poi arriva Jannelli per la quarta meta azzurra e 24-0 per l’Italia. E’ un monologo azzurro, cui l’Ungheria contrappone molti falli, anche duri, ed è Guardiano ad andare nuovamente in meta. Prima della fine c’è anche spazio, e gloria, per la cavalcata vincente di Jona Motta che fissa il punteggio sul 38-0.

Rispondi