Pro 14: Treviso, l’acquisto migliore è Ratuva

La Benetton conferma fino al 2021 uno dei giocatori più ambiti in Europa, oltre al capitano Sgarbi.

La Benetton Treviso ha annunciato due importanti estensioni di contratto (a oggi in scadenza il 30 giugno 2020, ndr) sino al 30 giugno 2021, si tratta dell’ala Ratuva Tavuyara e del centro Alberto Sgarbi.

Il primo, figiano nato a Sigatoka il 27 giugno 1990, pesa 100 kg ed è alto 186 cm. Cresciuto nella Ratu Kadavuleva School e poi passato agli Hamilton Old Boys, nella stagione 2016 ha vestito la la maglia dei Waikato insieme all’ex Leone Whetu Douglas e del tallonatore biancoverde Hame Faiva. Nello stesso anno Tavuyara si è piazzato al secondo posto in Mitre 10 Cup per mete realizzate dietro soltanto all’All Blacks Rieko Ioane degli Auckland.

Nell’aprile del 2017 chiamato da Bruce Reihana, allora skills coach del Bordeaux, Ratuva si è trasferito in Francia collezionando alcune presenze con la loro squadra di sviluppo e allenandosi con la prima squadra. Tornato in Nuova Zelanda Tavuyara ha chiuso la stagione con Waikato.

Dopo un anno trascorso in biancoverde, può essere considerato una delle note più liete della stagione con 22 presenze e 10 mete (il Leone più prolifico nella stagione 2018/19, ndr); tra le caratteristiche principali la prestanza fisica unita ad una forte esplosività che gli hanno inoltre consentito di avere questi numeri, tra Guinness PRO14 e Challenge Cup: 60 difensori battuti, 33 offload, 30 clean break.

Queste le dichiarazioni di Ratuva al momento della firma del nuovo contratto: “Sono veramente felice di fare parte di questo club. Il mio anno a Treviso è stato fantastico, sono circondato da grandi persone e da tantissimi fan. Non vedo l’ora che cominci la nuova stagione e sono grato alla società per l’opportunità concessami. Forza Leoni!”.

Alberto Sgarbi, nato a Montebelluna il 26 novembre 1986, è approdato al Benetton Rugby nel 2006 a soli vent’anni e nello stesso anno si è aggiudicato prima la Supercoppa Italiana ed a fine stagione il campionato. Nelle stagioni successive, Alberto ha poi vinto altri due campionati nazionali nel 2008/2009 e nel 2010/2011, una Coppa Italia nel 2009/2010 ed una seconda Supercoppa Italiana nel 2009.

Dotato di grandi qualità fisiche e solido in difesa Sgarbi si appresta a cominciare la sua quattordicesima stagione in Benetton Rugby, maglia con la quale anche nelle vesti di capitano, ha raggiunto quota 227 presenze; essendo così il Leone in attività con più caps.

Inoltre Alberto, lanciato in azzurro nell’anno del tour sudamericano della Nazionale U18, è stato uno dei punti fermi dell’Under 21 azzurra che ha conquistato due vittorie nel 6 Nazioni di categoria 2007. Ha fatto parte della Nazionale “A” nell’IRB Nations Cup 2007 ed è stato convocato in Nazionale Maggiore per preparare i Mondiali di Francia.

Nick Mallett lo ha inserito nel gruppo Azzurro per l’RBS 6 Nazioni 2008, lanciandolo in campo nella ripresa contro l’Inghilterra e facendolo esordire dal primo minuto nella trasferta di Cardiff contro il Galles. Nel 2010, complice un ottimo avvio di stagione nell’allora Magners League, è stato utilizzato dal CT Mallett dal primo minuto sia contro l’Australia che contro le Fiji e confermato nel gruppo per il 6 Nazioni 2011, dove ha giocato quattro partite come titolare, e nella squadra per la RWC 2011.

Con l’arrivo di Brunel sulla panchina azzurra, Sgarbi ha disputato i 6 Nazioni 2012, 2013 e 2014 collezionando così 29 caps con la Nazionale Maggiore Italiana.

“Il recente passato ha visto la società affrontare tanti cambiamenti, crescere e raccogliere i frutti di quanto seminato. Sono molto contento di proseguire la mia carriera in Benetton Rugby e poter dare il mio contributo e la mia esperienza al progetto che il club sta portando avanti nelle ultime tre stagioni” così il centro biancoverde.

Il direttore sportivo Antonio Pavanello ha spiegato: “Estendiamo per un’ulteriore stagione i contratti di due giocatori che per diverse ragioni si meritano ciò. Ratuva è un atleta che ha dimostrato in pochi mesi di essere un’arma speciale per noi, dotato di “x factor” e che sin da subito è entrato nel cuore di tutti i nostri tifosi diventando un loro beniamino. Inoltre questa mossa ci permette di tenere distante la corte degli altri club almeno sino alle prossime due stagioni”. Il ds dei Leoni ha poi continuato: “Per Sgarbi si tratta di un riconoscimento per tutto ciò che ha fatto e che farà per questo club. E’ un giocatore diventato versatile nel doppio ruolo di centro e terza linea, riuscendo a ricoprire entrambi molto bene: fondamentale per il nostro staff. Inoltre è un leader, un punto di riferimento per tutto lo spogliatoio, una figura di cui abbiamo bisogno per continuare la nostra crescita”.

Rispondi