Rugby 7s: Vilk “Resto in azzurro per puntare alle Olimpiadi”

A R1823 il ct dell’Italseven smentisce la voce che lo vuole a Mogliano e, anzi, guarda già al futuro e al lavoro da fare con gli azzurri.

Addio all’Italseven e un futuro a Mogliano? Ieri, come avevamo riportato anche su R1823, la stampa veneta aveva paventato questa ipotesi per Andy Vilk, attuale coach della nazionale di rugby a sette. In giornata, però, al sottoscritto erano giunte altre voci e, dunque, ecco che a intervenire sul tema è lo stesso tecnico inglese.

“Io in realtà sto rinnovando con la Federazione per l’Italseven. La mia passione è il 7s e voglio creare un gruppo per puntare alle Olimpiadi in futuro. Ovviamente se un club mi chiama per fare un allenamento, come tecnico federale, vado, ma non andrò in nessun club” le parole di Vilk. Dal suo futuro al presente e al futuro dell’Italseven.

Quest’anno ci sono i tornei di qualificazione olimpici e per l’Italia l’impresa sembra impossibile. Soprattutto con l’Inghilterra che rischia di restare fuori dalla top 4 delle World Series e, dunque, dovrà passare dal torneo europeo per puntare a Tokyo 2020. Come vedi il percorso azzurro? “Ci sono due discorsi da fare, il primo più generale: non puoi pretendere di andare alle Olimpiadi (dove vanno 12 squadre) se non sei nelle World Series, dove sono 15 squadre. Quindi il primo obiettivo per noi sarebbe andare in pianta stabile nel torneo mondiale e, poi, pensare alle Olimpiadi. Poi, nello specifico come dici, quest’anno è ancora più difficile con l’Inghilterra che rischia di non qualificarsi tramite le World Series. Poi, comunque, per parlare di Olimpiadi, prima dovremo qualificarci per il torneo di qualificazione”.

Parlando, invece, di Grand Prix Series, dove è l’Italia? “L’anno scorso abbiamo ottenuto un terzo posto a Mosca, poi alti e bassi, ma sappiamo che possiamo puntare a quelle posizioni” dice Andy.

Terzi a Mosca, poi avete faticato ad arrivare oltre l’ottava posizione. Come mai? Cosa serve per il salto di qualità? “I punti su cui bisogna lavorare sono tre. L’ideale è avere il modo di prepararci in modo consistente, come fanno squadre come Germania, Spagna, Russia. Poi c’è la gestione delle partite che è fondamentale – e che ci è costata cara in passato -, ma si impara solo giocando. E se i giocatori fanno un paio di tornei l’anno faticano a imparare a gestire le partite. Poi noi in generale siamo molto forti in difesa, è l’attacco dove abbiamo lacune e quest’anno stiamo proprio lavorando su questo. Se sistemiamo queste tre cose possiamo fare il salto di qualità. E, come detto, quest’anno lavoriamo sull’attacco e, come quello di questo weekend, partecipiamo a più torni. Insomma, due punti su tre riusciamo a sistemarli per quest’anno. Il lavoro è lungo, e continuerò a farlo”.

E ieri Andy Vilk ha ufficializzato la lista dei dodici atleti che parteciperanno all’”Howard Hinton Sevens” a Tours. Nella giornata di oggi l’Italseven si sposterà in Francia dove sabato 25 maggio affronterà due selezioni francesi e la Georgia nella fase a Gironi. Domenica è in programma la seconda fase che chiuderà il torneo.

“Scegliere dodici giocatori diventa sempre più difficile perchè abbiamo un gruppo allargato molto valido con un’età media dei giocatori che va progressivamente abbassandosi, fattore che ci da per il futuro tanto materiale umano su cui poter lavorare. Nel prossimo torneo affronteremo squadre in crescita nel Seven come le selezioni francesi nel Girone. Sarà molto utile per noi confrontarci contro queste realtà in vista dell’inizio dei GPS targati Rugby Europe e, anche in vista delle Universiadi, sarà fondamentale per noi valutare i giocatori a disposizione visto che non tutti saranno utilizzabili per il torneo in programma a Napoli a inizio luglio” ha dichiarato Andy Vilk.

ITALSEVEN – convocati

Diego ANTL (FEMI-CZ Rovigo)
Simone CORNELLI (Toscana Aeroporti I Medicei)
Roberto DAL ZILIO (Kawasaki Robot Calvisano)
Daniele DI GIULIO (S.S. Lazio Rugby 1927)
Giovanni D’ONOFRIO (Fiamme Oro Rugby)
Enrico GHIGO (Rugby Viadana 1970)
Alessio Gianluca GUARDIANO (S.S. Lazio Rugby 1927)
Federico GUBANA (Mogliano Rugby 1969)
Tommaso JANNELLI (Cus Milano)
Edoardo TERESI (S.S. Lazio Rugby 1927)
Juan Aleajandro WAGENPFEIL (Rugby Viadana 1970)
Luca ZINI (Argos Petrarca Rugby)

Rispondi