Rugby Treviso: una stagione indimenticabile da record da cui ripartire

La Benetton ha chiuso la sua miglior stagione da quando partecipa al Guinness Pro 14. E il futuro può regalare nuove gioie.

Una stagione che difficilmente i tifosi del Rugby Treviso potranno scordare. Anche se il passaggio del turno all’interno della serie di playoff del Pro14 non si è concretizzato, la squadra trevigiana si può definire veramente orgogliosa e soddisfatta di un’annata che ha lasciato tante gioie. Non può che esserne fiero anche l’allenatore Kieran Crowley, che ha ricevuto pure il premio di Coach of the Season del Pro14, battendo sul filo di lana Leo Cullen del Leinster ed Andy Friend del Connacht. Si tratta della prima volta che tale riconoscimento viene assegnato ad una squadra italiana.

Non è stato l’unico riconoscimento che è arrivato in casa Benetton, visto tra i migliori giocatori della manifestazione celtica è arrivato un ottimo terzo posto per Monty Ioane. Il trequarti di origini australiane, infatti, è riuscito a mettere le mani sulla terza posizione, dietro solamente a Viliame Mata e Johnny McNicholl.

Il torneo celtico, anche grazie alle grandi prestazioni degli italiani che saranno impegnati con buone chance di far bene nei prossimi mondiali di rugby, ha rappresentato un vero e proprio record per il rugby italiano. Infatti per la prima volta una compagine nostrana è riuscita a qualificarsi ai quarti di finale del Pro14. In quell’occasione per la Benetton Treviso furono decisive ben 4 mete, in cui sono andati a segno Negri, Ioane, Morisi e Halafihi a Parma, in un derby tutto tricolore, che hanno permesso di sfidare il 4 maggio scorso Munster.

Che peccato la sconfitta ai quarti contro Munster

Una sconfitta che certamente non va a incidere in alcun modo sulla super stagione della Benetton Treviso, anche se è riemerso un paragone che difficilmente può stare in piedi, ma qualche rammarico, per come è arrivato, effettivamente c’è ancora. Treviso ha perso ai quarti 15-13 nella tana della compagine irlandese del Munster e ha dovuto abbandonare il sogno di raggiungere le finali dei playoff. In Irlanda, però, la squadra veneta ha disputato davvero una grandissima partita, visto che ha condotto il match per ben più di mezz’ora, nonostante sulla carta tutti i favori del pronostico fossero a favore del Munster. Non solo, visto che Treviso è stata l’unica a segnare una meta in tutta la partita, grazie all’exploit di Ratuva Tavuyara, ala originaria di Figi. Il margine è stato conservato fino a quattro minuti dalla fine del match, quando gli irlandesi hanno effettuato il sorpasso grazie a un calcio di punizione che si è poi rivelato decisivo ai fini del passaggio del turno. Nonostante tutto, la Benetton Rugby ha tenuto botta e non si è lasciata scoraggiare, riuscendo a impensierire la squadra irlandese fino alla fine: nei secondi finali, infatti, c’è stata l’opportunità di portare a termine il contro-sorpasso, con due drop che, purtroppo, non sono finiti dentro i pali. Un grandissimo risultato in ogni caso, visto che si tratta della prima storica qualificazione ai playoff di Pro14 per una squadra italiana di rugby. Il Munster, quindi, mantiene la possibilità di vincere il trofeo, dal momento che dovrà affrontare il Leinster nel penultimo atto della manifestazione.

I rinnovi per la prossima stagione e alcuni addii

Il club veneto ha già diffuso un comunicato, dando conferma dei cinque addii che erano previsti. In seguito alla sconfitta che ha escluso Treviso dagli ultimi atti dei playoff del campionato Pro14, la dirigenza della Benetton ha dimostrato di avere già le idee ben chiare in vista della prossima stagione. A lasciare la squadra sono Alberto De Marchi, pilone, Tommaso Iannone, centro, Luca Bigi, tallonatore, Robert Barbieri, terza linea ed Edoardo Gori, mediano di mischia, quest’ultimo da nove stagioni con questa maglia. Un’altra notizia particolarmente importante in vista della prossima stagione è certamente il rinnovo del contratto di Marco Fuser, seconda linea, e di Engjel Makelara, tallonatore, che hanno deciso di restare ancora per un anno con la maglia del Treviso Rugby. Si tratta di due atleti di buone qualità che hanno disputato un’ultima stagione non proprio brillantissima per via di numerosi motivi e, di conseguenza, il prossimo anno saranno chiamati al salto di qualità e ad un ruolo più decisivo.

Foto – Benetton Treviso

Rispondi