Champions Cup: Saracens, è trionfo europeo

Si è conclusa a Newcastle la finalissima tra Leinster e Saracens che assegnava il titolo europeo.

Parte forte il club inglese, che fa la partita nel primo quarto di gioco, ma non riesce a concretizzare il gioco prodotto, mentre alla prima occasione Sexton piazza i tre punti che danno il vantaggio a Leinster. Insistono i Sarries, ma sbattono contro il muro blu dei dubliners, bravi a controllare le folate rosse e a ripartire quando ne hanno l’occasione. Col passare dei minuti, però, sale il baricentro degli irlandesi, che alla mezzora obbliga al fallo Maro Itoje che viene ammonito, mentre si infortuna Mako Vunipola. E un minuto dopo arriva la meta di prepotenza di Leinster con Furlong e dubliners che si portano a +10. Al 39′, finalmente, concretizza il XV di Londra con Farrell che mette tre punti. E a tempo scaduto arriva la meta dei Sarries, che dopo un tempo senza concretizzare colpiscono due volte, questa con Sean Maitland al largo e si va al riposo sul 10-10.

Prova a reagire il Leinster a inizio ripresa e Billy Vunipola viene graziato per un avanti volontario dopo cinque minuti. Spreca un vantaggio la squadra di Dublino e così torna in attacco i Saracens. Arriva il giallo per Scott Fardy, mentre il Leinster difende come può l’area di meta e Farrell dà il vantaggio dalla piazzola agli inglesi. Alzano il ritmo i Sarries, soffre il Leinster e al 67′ arriva la meta con Vunipola che schiaccia e scappano via i londinesi. Meta che chiude, di fatto, il match con i dubliners che non possono reagire e Saracens che festeggiano.

LEINSTER – SARACENS 10-20

Sabato 11 maggio, ore 18.00 – St James’ Park, Newcastle
Leinster: 15 Rob Kearney, 14 Jordan Larmour, 13 Garry Ringrose, 12 Robbie Henshaw, 11 James Lowe, 10 Johnny Sexton, 9 Luke McGrath, 8 Jack Conan, 7 Seán O’Brien, 6 Scott Fardy, 5 James Ryan, 4 Devin Toner, 3 Tadhg Furlong, 2 Seán Cronin, 1 Cian Healy
In panchina: 16 James Tracy, 17 Jack McGrath, 18 Michael Bent, 19 Rhys Ruddock, 20 Max Deegan, 21 Hugh O’Sullivan, 22 Ross Byrne, 23 Rory O’Loughlin
Saracens: 15 Alex Goode, 14 Liam Williams, 13 Alex Lozowski, 12 Brad Barritt, 11 Sean Maitland, 10 Owen Farrell, 9 Ben Spencer, 8 Billy Vunipola, 7 Jackson Wray, 6 Maro Itoje, 5 George Kruis, 4 Will Skelton, 3 Titi Lamositele, 2 Jamie George, 1 Mako Vunipola
In panchina: 16 Joe Gray, 17 Richard Barrington, 18 Vincent Koch, 19 Nick Isiekwe, 20 Schalk Burger, 21 Richard Wigglesworth, 22 Nick Tompkins, 23 David Strettle
Arbitro: Jérôme Garcès
Marcatori: 4′ cp. Sexton
Cartellini gialli: 30′ Itoje, 32′ m. Furlong tr. Sexton, 39′ cp. Farrell, 40′ m. Maitland tr. Farrell, 60′ cp. Farrell, 67′ m. B.Vunipola tr. Farrell

Foto – Instagram/saracensofficial

2 commenti su “Champions Cup: Saracens, è trionfo europeo

  1. Piu’ forti fisicamente loro e con una difesa perfetta che gioca benissimo sul filo.
    Hanno meritato loro una fibale comunque splendida.
    Due monenti chiave: la meta a fine primo tempo e il non averci concesso la meta ad inizio secondo tempo dive ha pesato anche un errore di ringrose che ignora la superiorita’ all’ala per provarci di suo.

    La loro difesa comunque e’ stata perfetta

  2. Vince sempre il più forte. Cullen la studia conservativa, sempre piatti e senza prendere rischi: ha ragione perché come provano a giocare profondi sulle salite dei Sarries rischiano di brutto, ma così è però impossibile mettere in crisi una difesa fenomenale. Prendono la meta male allo scadere, secondo tempo buttano via una meta fatta con Ringrose che va dentro anziché sfruttare la superiorità al largo ma i Sarries sono troppo anche per questo Leinster e pian piano non c’è più partita. Solo la difesa buona e coraggiosa del LV e lo strapotere fisco e atletico dei sarries. Billone MoM ma per me anche Koch ha fatto una partita spaziale. Nota a margine, viste le scelte di WR aspettiamoci un mondiale con fuorigioco alla francese: abolito. Bella partita, in partita secca di sicuro e di gran lunga le due squadre migliori dell’emisfero.

Rispondi