Benetton: Ioane “Ora non siamo più ‘una passeggiata’”

Il metaman che ha dato i playoff a Treviso ha parlato a Rugbypass, mostrando tutta la felicità per ciò che i biancoverdi hanno conquistato. E a proposito della maglia dell’Italia dice…

“Prima di arrivare avevo ovviamente sentito parlare della squadra dai loro avversari, e sentivo che mancava il rispetto nei confronti della Benetton, quindi è bello sapere che quest’anno siamo contendenti al titolo e non siamo più una passeggiata” dice Monty Ioane, il campione australiano che con la sua meta ha dato la matematica certezza che i veneti fossero ai playoff.

Dal dicembre 2017, quando è arrivato in Italia, Monty ha giocato 29 partite di Guinness Pro 14, e con lui in campo sono arrivate 18 vittorie, due pareggi e solo nove sconfitte. Insomma, un rullino di marcia da big team e ora la Benetton non vuole andare a Limerick come vittima sacrificale, come spiega Ioane.

“Vediamo questo match come un’opportunità. Siamo gli sfavoriti, che è una buona cosa per noi. È sempre bello essere l’underdog, ma ci stiamo sicuramente andando per vincere. Per noi non è che ‘Ok, abbiamo fatto i play-off e finirà qui’. Abbiamo impostato la mentalità per attaccare e segnare mete. Siamo pronti a vincere” ha detto l’ala biancoverde a Rugbypass.

Vedi live e in esclusiva Munster-Treviso su DAZN

Ioane era già stato in Europa, allo Stade Français, ma l’avventura era andata male e il giocatore confessa che non si aspettava di tornarci, anzi. La sua carriera ormai era downunder e la chiamata di Crowley è arrivata a sorpresa. “Benetton è arrivata casualmente e non potrei mai pentirmi della mia decisione perché è probabilmente una delle migliori decisioni che ho preso. Il merito è di Kieran. Mi ha chiamato e ho parlato con lui per un’ora buona prima di prendere una decisione”.

Ma ora Monty Ioane non è solo un punto fermo della Benetton, un’ala di incredibile talento, ma anche un giocatore che potrebbe vestire la maglia azzurra. A dicembre 2020 diventerà eleggibile per l’Italia e in molti sognano di vedere Ioane in azzurro. E lui? “A essere onesti non c’è una decisione presa o qualcosa di simile. Ora penso a concentrarmi per giocare il mio miglior rugby per Treviso. Non ci penso, per ora”.

Foto – Benetton Treviso

Un commento su “Benetton: Ioane “Ora non siamo più ‘una passeggiata’”

  1. il rispetto si guadagna sul campo…
    gli scalpi di harlequins, scarlets, blues, warriors, edinburgh in casa… i pareggi a Belfast e Dublino…
    la ciilegina sarebbe la vittoria a Thomond Park…

    dài fioi: siate coerenti fino in fondo… 😀

Rispondi