Zebre-Benetton: cioè quell’ipotesi che non si può dire

Il Grillotalpa, aka Paolo Wilhelm, affronta un tema ‘tabù’ ma che va affrontato: cosa devono fare le Zebre contro Treviso tra due settimane?

Treviso perde con il Munster ma la porta per i play-off del Pro14 rimangono aperte, e con una vittoria con bonus sulle Zebre nell’ultimo turno di regular season non ci sarebbero nemmeno conti da fare. Un po’ di realpolitik non sarebbe male, anche perché il movimento Italia ha bisogno come il pane di un risultato simile…

Treviso scenderà a Parma con la bava alla bocca e ce la metterà tutta fin dal primo minuto, però se non dovesse trovare una resistenza tipo gli spartani alle Termopili nessuno se ne avrebbe poi così a male. E’ un discorso poco “rugbistico”? Sì, forse, già me li immagino i bla bla bla… ma non mi pare sia il momento di stare troppo a sottilizzare e sono pronto a scommettere che che cose simili altrove siano già successe. Quindi non facciamo le verginelle e mettiamo la realpolitik in primo piano. Continua a leggere su Il Grillotalpa.

7 commenti su “Zebre-Benetton: cioè quell’ipotesi che non si può dire

  1. Ma le zebre non facevano schifo? Un anno intero a incensare (giustamente eh) il modello benetton e a schifare le zebre e ora si ha paura di perdere? mah…

  2. Cioè, se affermo che in campo si va sempre e comunque per giocare al massimo e cercare di vincere, passo per verginella?
    Una sola domanda. Se un taroccamento del genere fosse fatto o adombrato da due squadre gallesi o irlandesi o comunque straniere, ci incazzeremmo di brutto gridando allo scandalo oppure tutto ok e bene così?

      1. Duccio sicuramente se l’Ulster avesse avuto bisogno di vincere non saresti sorpreso se lo facesse tra due settimane….come io non sarei sorpreso se tu (e altri) non vi ricorderste (stranamente e casualmente eh) nel caso che il Leinster da quando e’ matematicamente primo non ne ha vinta una, inclusa partita contro il benetton.

Rispondi