Pro 14: Scarlets ‘eliminati’, è corsa a tre

Aspettando Kings-Newport di oggi si è praticamente chiusa la diciannovesima giornata della Celtic League.

Perdono in rimonta gli Scarlets, che in casa passano da 12-0 a 12-20 contro l’Edimburgo e, virtualmente, dicono addio ai sogni di playoff. E con il pareggio strappato alla scadere dalla Benetton a Dublino i gallesi si trovano ora a sette punti dalla zona playoff, con due partite da giocare.

Nella conference B, dunque, con il Leinster ormai tranquillamente primo, è corsa a tre. L’Ulster rimane fermo a 54 punti, Treviso sale a 52 punti e l’Edimburgo si porta a 51 punti. E settimana prossima va in scena proprio Edimburgo-Ulster, cioè un nuovo spareggio tra due delle avversarie della Benetton, che invece ospiterà il Munster prima di chiudere con le Zebre a Parma (mentre l’Ulster ospiterà il Leinster ed Edimburgo andrà a Glasgow).

Nella conference A, invece, continua la sfida a distanza tra Glasgow e Munster per un posto diretto in semifinale, mentre la striminzita vittoria di ieri a Parma dà al Connacht un vantaggio di 4 punti su Cardiff nella battaglia per il terzo posto e settimana prossima sarà match point per gli irlandesi che a Galway ospiteranno proprio i Blues obbligati a vincere.

Segui live e in esclusiva tutto il Guinness Pro 14 su DAZN

PRO 14 – DICIANNOVESIMA GIORNATA

Glasgow – Ulster 30-7
Munster – Cardiff 45-21
Cheetahs – Ospreys 14-31
Zebre – Connacht 5-6
Scarlets – Edimburgo 12-20
Leinster – Benetton 27-27
Southern Kings – Newport

PRO 14 – CLASSIFICA

Conference A: Glasgow 71; Munster 68; Connacht 56; Cardiff 52; Ospreys 49; Cheetahs 36; Zebre 18
Conference B: Leinster 74; Ulster 54; Treviso 52; Edimburgo 51; Scarlets 45; Southern Kings 20; Newport 19

Foto – Instagram/scarlets_rugby

3 commenti su “Pro 14: Scarlets ‘eliminati’, è corsa a tre

  1. Avevo predetto alla fine della scorsa che sarebbe stata questa una stagione difficile, ma così disgraziata non l avrei mai detto. Anche ieri si é fallita l ennesima occasione per dimostrare che eravamo ancora vivi, così come detto nelle varie conferenze stampe. Dopo un primo tempo chiuso in netto vantaggio e giocando abbastanza bene, avviene il tracollo. Riusciamo a far rientrate Edinburgh in partita e li galvanizziamo al punto di non prendere neanche il bonus difensivo. Troppi buchi concessi in difesa, troppe rimesse laterali sbagliate, parecchi se la prendono con l arbitraggio di Lacey, il quale si sa che é mediocre, ma ieri la sconfitta c’è la siamo meritata.
    Una squadra che mentalmente é crollata dopo il fin troppo prematuro annuncio di Pivac al Galles. Che ha patito troppi infortuni in tutta la stagione, ha perso personalità di grande spessore in mezzo al campo e non li ha sostituiti degnamente. Aggiungo anche che molti giocatori hanno anche fallito la prova della maturità mentale.
    Amaramente dico che forse é meglio ripartire dalla Challenge per ripartire con un nuovo progetto tecnico, magari incontrato la Emergenti italiana, non c’è da strapparsi i capelli se la FIR l ha abolita, seconde squadre non esistono più quasi da nessuna parte, persino gli argentini mandano i jaguares b in currie cup.
    La rosa degli Scarlets al momento ha troppe lacune, soprattutto in terza linea, col mondiale di mezzo preferisco vedere il lancio di una nuova generazione piuttosto che vedere l arrivo di stranieri impalpabile, per cui meglio una challenge con l ambizione di vittoria, che una Champions da comparse

  2. Edimburgo che nel primo tempo le prova tutte per suicidarsi, poi va. Hamish Watson è la quintessenza dell’openside: placca come una BCS, raspa come una volpe, è dovunque, ha un passo e una elusività da trequarti, sa nascondere l’ovale e pestare sulle gambe, ha belle mani e testa lucida nell’offload. Tornato alla grande, con il “vecchio” Barclay e Mata, per quanto evidentemente stremato da una stagione dove si è mai risparmiato, fanno una terza da paura. Anche ieri McInally vicino alla perfezione. Quanto a Lacey, magari avrebbe più da ridire WPNel che però ha sfogato il nervoso con un tot di grillotalpa sanguinosi. Un cubo di Rubik alla rovescia: fai prima a risolverlo che a spostarlo. Per consolare Ian, annata stortissima davvero ma è consolante e un bel vedere l’Halfpenny di ieri, tornato tonico, brillante e lucido dopo il calvario di infortuni e concussion. E anche Cubby Boy pian piano si sta rimettendo.

    1. Hai perfettamente ragione. Il mom era sicuramente da dare a Watson. Partitona.
      Gli scarlets non hanno giocato male, ma sono chiaramente fuori forma. Credo anche per le energie consumate dai nazionali nel 6N. Se ci aggiungiamo il passaggio in avanti di Halfpenny che sarebbe stata una meta a mio avviso. E l’intercetto (sempre su passaggio di halfpenny) con tanto di meta scozzese che ha di fatto tagliato le gambe ai gallesi.
      Ma i giochi non sono ancora finiti, possono fare 10 punti e andare a 55. Lo scontro diretto tra Edimburgo e Ulster li potrebbe aiutare se poi consideriamo che entrambi hanno due partite difficili.
      Anche treviso per essere sicura deve vincerle entrambe.

Rispondi