Doping: Chiliboy ci ricasca per la terza volta

Il tallonatore degli Sharks, ed ex Springbok, positivo a una sostanza anabolizzante. E’ la terza volta in carriera.

C’è cascato ancora. Per la terza volta. Chiliboy Ralepelle, tallonatore degli Sharks nel Super Rugby ed ex tallonatore del Sudafrica, è risultato positivo anche alle contranalisi dopo un test antidoping fatto a gennaio. Il giocatore – che si era dichiarato innocente fino all’ultimo – è risultato positivo allo Zeranolo, uno steroide anabolizzante.

Per Chiliboy è la terza volta che l’antidoping lo mette nei guai. Nel 2010 perse la maglia degli Springboks dopo essere risultato positivo a un’anfetamina, anche se poi venne assolto. Nel 2015, invece, venne squalificato per due anni – mentre giocava nel Tolosa – per la presenza di uno steroide anabolizzante nel suo sangue.

E, ora, è stato pizzicato nuovamente e la sua carriera, al 99%, finisce qui.

photo credit: hugovk Doping control via photopin (license)

4 commenti su “Doping: Chiliboy ci ricasca per la terza volta

  1. Bisogna che il Rugby decida cosa vuole essere :un’Arena per moderni gladiatori o Scuola di vita- Nel secondo caso, situazioni del genere dovrebbero essere gestite diversamente.

Rispondi