Premiership: i Tigers vogliono Cheika

Leicester rischia la retrocessione, ma per il futuro pensa all’attuale ct dell’Australia.

Il presente è una lotta per risalire la china ed evitare una clamorosa retrocessione. Il futuro potrebbe chiamarsi Michael Cheika. I Leicester Tigers stanno vivendo una delle peggiori stagioni della propria storia, sono attualmente terz’ultimi, a soli cinque punti dall’ultima piazza che vale la retrocessione. Ma, intanto, pensano al futuro.

Secondo la stampa britannica, infatti, i Tigers avrebbero contattato Michael Cheika, attuale tecnico dell’Australia, per metterlo sotto contratto alla fine della prossima Rugby World Cup. Il futuro di Cheika con i Wallabies sembra scritto, con il tecnico che già aveva rischiato l’esonero a fine 2018 e che difficilmente verrà confermato dopo i Mondiali.

5 commenti su “Premiership: i Tigers vogliono Cheika

  1. E io che pensavo fosse uno dei nomi più “caldi” per il dopo Co’S (visto che era la prima o seconda scelta di Gavazzi già nel 2015)

      1. Be allora è bravo a farcelo pensare. E Gavazzi comunque nella sua intervista (se la possiamo chiamare cosi) post partita con la Francia sembrava pensarla proprio in questo modo (per cacciarlo, anche se ha detto che dovrebbero farlo i giornalisti, se non ricordo/ho capito male).
        Io spero rimanga. Magari con uno staff migliore di questo (Cuttitta o Ferrari davanti, magari andare a recuperare Corn Van Zyl per la touche, un tecnico “stabile” della difesa, e un qualcuno per l’attacco – anche se li Catt ha fatto con quello che ha trovato, non tantissimo)

      2. temo che il teatrino delle ultime settimane sia l’ennesimo atto di public relations di COS che ha messo la faccia sulle magagne dello zio Al, che in fondo è la cosa che ha dimostrato di saper fare meglio. Anche io temo che lo status quo rimarrà ancora a lungo.

    1. il fatto che lo vogliano non è certezza e, magari, conoscendo il nostro rugby, ereditando il lavoro di COS e uno staff migliore (magari uno del XIII per la difesa ma non solo) potrebbe anche non fare malissimo

Rispondi