Italrugby: Malagò “Servono vittorie”

Il presidente del Coni parla dello stato del rugby azzurro, ma – ancora una volta – ignora totalmente il rugby olimpico.

“Ho incontrato ieri il presidente della Federugby Alfredo Gavazzi: è chiaro che il rugby in Italia è un successo, il prodotto è fantastico però prima o poi bisogna accompagnare il tutto con dei risultati sportivi”. Così il presidente del Coni Giovanni Malagò all’Ansa riguardo la nazionale italiana di rugby che nelle prime due giornate del Sei Nazioni ha collezionato due sconfitte con Scozia e Galles.

“C’è un ricambio generazionale – ha aggiunto il numero uno dello sport italiano a margine di un evento a Roma – c’è tutto un contesto di infortunati ma mi fa ben sperare quello che è il percorso che stanno facendo nelle coppe internazionali le due squadre italiane (Benetton e Zebre, ndr) che mentre prima erano il fanalino di coda, perdevano molte partite, oggi invece si fanno rispettare. Però la nazionale femminile va molto bene” ha concluso Malagò.

Insomma, nazionale maggiore, nazionale femminile, Benetton e Zebre nelle parole di Malagò. Che, però, tace sul rugby 7s, cioè quel rugby olimpico che dovrebbe essere il primo interesse del Coni. Un rugby 7s da sempre tenuto ai margini dalla FIR, con l’Italia che vede i Giochi Olimpici come una mera chimera.

5 commenti su “Italrugby: Malagò “Servono vittorie”

  1. informatissimo, prima del ricambio generazionale si vinceva a palla, nelle coppe ci sarà, probabilmente, una finale tutta italiana in champions… non dico tanto, ma farsi mandare una rassegna stampa, prima di aprire bocca, invece di farsi dare la velina dal presidente della fed di turno…

  2. Spiace dissentire da Malagò, che a malapena sa di cosa sta parlando ed infatti io ci leggo una velina federale, ma che Benetton e Zebre fossero fanalino di coda ed ora non più corrisponde ad una visione distorta delle rispettive classifiche. Sembra che nel ducato di Parma e Calvisano le classifiche si leggano partendo da sotto e risalendo ma a Glasgow non sono molto d’accordo

  3. IMH è vero che è importante partecipare, ma per uno sport professionistico vincere almeno qualche volta è indispensabile.
    Speriamo che non mettano i bastoni tra le ruote alla Benetton TV…

Rispondi