6 Nazioni femminile: Italia, il XV per battere il Galles

Andrea Di Giandomenico ha annunciato la formazione che sabato cercherà il secondo successo nel Torneo di quest’anno.

Andrea Di Giandomenico, head Coach dell’Italdonne, ha scelto al termine della sessione mattutina, la formazione titolare che affronterà il Galles, sabato prossimo, 9 febbraio, allo Stadio Via del Mare di Lecce (ore 20.35) nella seconda giornata del Torneo Femminile delle Sei Nazioni. L’incontro verrà trasmesso in diretta da Eurosport 2 ed in streaming su Eurosport Player con il consueto commento di Andrea Gardina.

Le Azzurre, reduci dalla vittoria in trasferta sulla Scozia nel primo turno (28 -7 a Glasgow), esordiranno fra le mura di casa contro il XV gallese che sabato scorso ha lasciato il terreno di gioco di Montpellier con un pesante passivo: 52 a 3 in favore della Francia.

“Quella con il Galles è sempre una partita complicata – esordisce Andrea Di Giandomenico – “E’ una squadra che soprattutto nel reparto degli avanti ha una grande consistenza; sia in mischia chiusa che nel gioco aperto sono spesso logoranti. Con i trequarti, in particolare con le ali, esprimono una buona velocità. Sarà una partita complessa che partirà da un equilibrio di fondo; sarà importante iniziare a giocare bene da subito e capitalizzare i momenti forti che avremo a nostra disposizione”.  

A scendere in campo sabato per prima sarà il tallonatore Melissa Bettoni per celebrare la cinquantesima presenza azzurra. Azzurra n. 152, ha debutto nel 2012 nel match del Sei Nazioni Italia- Inghilterra disputato al Carlo Androne di Recco. 

ITALIA FEMMINILE

15 Manuela Furlan, 14 Aura Muzzo, 13 Michela Sillari, 12 Beatrice Rigoni, 11 Sofia Stefan, 10 Veronica Madia, 9 Sara Barattin, 8 Elisa Giordano, 7 Giada Franco, 6 Ilaria Arrighetti, 5 Giordana Duca, 4 Valentina Ruzza, 3 Lucia Gai, 2 Melissa Bettoni, 1 Silvia Turani
In panchina: 16 Gaia Giacomoli, 17 Elena Serilli, 18 Sara Tounesi, 19 Valeria Fedrighi, 20 Lucia Cammarano, 21 Francesca Sberna, 22 Jessica Busato, 23 Camilla Sarasso

Rispondi