6 Nazioni 2019: Italia, col Galles Morisi/Campagnaro centri, ecco Barbini

Conor O’Shea ha annunciato la formazione che scenderà in campo sabato pomeriggio all’Olimpico contro i britannici.

Cambia Conor O’Shea – almeno nella trequarti – e dà spazio ai giocatori più talentuosi del lotto. In realtà il tecnico irlandese deve fare i conti con il virus che da 10 giorni ha colpito gli azzurri e alcune scelte sono obbligate e dettate dallo stato di salute dei giocatori.

La novità più importante nel XV titolare è sicuramente l’esclusione di Tommaso Castello a centro e la scelta della coppia Morisi/Campagnaro, un’accoppiata che – in teoria – dovrebbe dare più qualità e permettere di muovere meglio l’ovale anche verso le ali. Ali dove, insieme al confermato Angelo Esposito, arriva Edoardo Padovani.

Il virus, invece, colpisce Andrea Lovotti, obbligato a dare forfait, e al suo posto in prima linea trova spazio Bibi Quaglio. Confermato Gullo Palazzani in mediana, l’altra novità importante – e attesa – è l’inserimento (finalmente!) di Marco Barbini nel 23 di giornata. La terza linea, infatti, trova posto in panchina, alzando decisamente il livello qualitativo dell’Italia e insieme a Federico Ruzza rappresenta due opzioni per la ripresa che possono far cambiare marcia agli azzurri.

ITALIA

15 Jayden Hayward, 14 Angelo Esposito, 13 Michele Campagnaro, 12 Luca Morisi, 11 Edoardo Padovani, 10 Tommaso Allan, 9 Guglielmo Palazzani, 8 Sergio Parisse, 7 Abraham Steyn, 6 Sebastian Negri, 5 Dean Budd, 4 David Sisi, 3 Simone Ferrari, 2 Leonardo Ghiraldini, 1 Nicola Quaglio
In panchina: 16 Luca Bigi, 17 Cherif Traorè 18 Tiziano Pasquali, 19 Federico Ruzza, 20 Marco Barbini, 21 Edoardo Gori, 22 Ian McKinley, 23 Tommaso Benvenuti

4 commenti su “6 Nazioni 2019: Italia, col Galles Morisi/Campagnaro centri, ecco Barbini

  1. Per me l’Italia deve ripartire dalla prova difensiva dei prmi 40 minuti di edinburgh, quella difesa e’ stata a tratti estremamente efficace, senza reinventare la ruota od alrtro ma facendo quelle due-tre cose bene per sporcare gli ingranaggi scozzesi. E contro l’Italia avra’ un Galles che mette in campo una formazione abbastanza sperimentale che quindi di suo potrebbe non avere gli ingranagii oliati.

    Partendo da quella prova difensiva e provando a ripeterla pero’ bene vedere Campagnaro tornare centro con Morisi, Castello sara’ anche un buon difensore ma per me palla in mano non aiuta la manovra, e se COS decide di nuovo di provare a difendere duramente serve gente che pero’ faccia ripartire l’azione velocemente e Morisi-Campagnaro per me offrono molto piu’ in questo senso.Padovani all’ala in piu’ dovrebbe con Hayward offrire un’opzione migliore nell’andare a caccia degli eventuali calci.

Rispondi