Champions Cup: prime fuge in Europa

Si sono disputati ieri cinque match della quarta giornata di Coppa Europa di rugby. Ecco come è andata.

Si delineano già bene i quadri in ottica playoff in Champions Cup. Le vittorie di Saracens e Glasgow nella pool 3 significano fuga definitiva per i due club che si giocheranno molto nello scontro diretto, anche se i londinesi hanno 4 punti da gestire, mentre gli scozzesi sono in un’ottima posizione in chiave migliori secondi posti.

Importante anche il successo, con bonus, di Tolosa sui Wasps, che permette alla squadra francese di restare in vetta nella pool 1, seguito da un Leinster che ha dominato Bath. Aspettando le partite di oggi, poi, si è chiusa la pratica nella pool 2, dove invece domina l’equilibrio. Dopo il Gloucester, infatti, cade anche il Munster che cede di un punto al Castres. Gli irlandesi restano primi, ma non riescono a scappare via, con i francesi a 3 punti e la coppia Gloucester ed Exeter a quattro.

Segui live e in esclusiva la Champions Cup su DAZN

CHAMPIONS CUP – QUARTA GIORNATA

Ulster – Scarlets 30-15
Gloucester – Exeter 17-29
Glasgow – Lione 21-10
Cardiff – Saracens 14-26
Tolosa – Wasps 42-27
Leinster – Bath 42-15
Castres – Munster 13-12
Leicester – Racing
Montpellier – Tolone
Newcastle – Edimburgo

CHAMPIONS CUP – CLASSIFICHE

Pool 1: Tolosa 17; Leinster 15; Bath 5; Wasps 3
Pool 2: Munster 12; Castres 9; Gloucester, Exeter 8
Pool 3: Saracens 18; Glasgow 14; Cardiff 4; Lione 0
Pool 4: Racing, Ulster 14; Leicester 6; Scarlets 2
Pool 5: Edimburgo 11; Newcastle 8; Montpellier, Tolone 6

Foto – Instagram/stadetoulousainrugby

This poll is no longer accepting votes

Vota il Buttiga Player of the Year 2019
7727 votes
VotaRisultati

Un commento su “Champions Cup: prime fuge in Europa

  1. Era un compito difficile ma ci siamo riusciti: poco poco e alla fine ci lasciamo anche il punticino di bonus difensivo. Mai visto un Munster conciato così dal punto di vista del gioco, neanche con i 14 infortunati di 4 anni fa. Quel che è più grave, indecoroso e irriconoscibile quanto a spirito di squadra. Ad un Castres rissoso oltre decenza non do meriti, solo demeriti per noi. A solo titolo di cronaca, lo spear su PO’M era da galera: giallo. E lascio perdere che un pilone facci 5 falli di fila (senza giallo) ma non prima di averne guadagnato due: il giusto tempo perché Barnes si stiracchi, sbadigli e si svegli. Ma lui è come il raffreddore: se d’inverno giri in mutande e maglietta, prima o poi ti tocca.

Rispondi