Challenge Cup: Treviso spreca tutto a Londra

Vincono gli Harlequins un match dove la Benetton ha giocato alla pari e lasciato troppi punti sul campo.

Avvio di partita di marca londinese in uno Stoop tormentato dalla pioggia, con i Quins che attaccano nei primi minuti, soffre Treviso in difesa con diversi pick&go vicino all’area di meta al 6’, con i falli biancoverdi che danno il vantaggio agli Harlequins e che al 7’ schiacciano con Lewis Boyce per la prima meta del match. Treviso risponde con una bella e lunga azione, con i biancoverdi che sfruttano un fallo per guadagnare metri battendo veloce e, poi, al nuovo fallo inglese McKinley va sulla piazzola al 13’ da posizione comoda e non sbaglia. Treviso alza il livello agonistico, continua ad attaccare, con i Quins ancora troppo fallosi, anche se un quasi intercetto di Saili fa correre un grosso rischio agli ospiti. Al 19’ fallo della mischia inglese e Ian McKinley può tornare sulla piazzola.

Tanti errori di handling da parte degli Harlequins e Treviso che così può restare sul piede avanzante in questo primo tempo. Ma al 24’ Ioane fa un offload di troppo, palla intercettata da Marchant che ringrazia e si può involare tra i pali e meta facile facile per i Quins. Alla mezzora placcaggio in netto ritardo di George Merrick su McKinley, ma nessun cartellino per la seconda linea. Insistono i biancoverdi con un lungo attacco, conquistano un nuovo fallo e McKinley può fare tre su tre. Poco dopo, però, partenza veloce dei Quins su un fallo trevigiano, poi palla che si muove, avanti di Saili, ma fallo di Morisi. Touche per i londinesi rubata da Treviso e nulla di fatto. Insistono i padroni di casa e allo scadere portano a casa 3 punti dalla piazzola per il 17-9.

Diluvia al Twickenham Stoop quando riprende il gioco e Benetton che cerca subito di tornare sotto break. Ancora una volta difende in maniera fallosa la squadra di Londra e Treviso che cerca il bersaglio grosso. Ma gli ospiti perdono palla e occasione persa al 50’ circa. Ancora un fallo dei Quins al 52’, questa volta McKinley prova dalla piazzola, ma sbaglia. Sbaglia tanto la squadra di casa e Benetton che deve concretizzare. Nervosismo in campo, con le due squadre che sentono tanto il match. Al 59’ Treviso conquista una punizione da mischia e può andare nuovamente in attacco. Ma ancora una volta muro di Treviso e nulla di fatto.

Un calcio stoppato a Duvenage rischia di costare caro agli ospiti, ma comunque Treviso spreca nuovamente. Insiste Treviso, ma non cambia un punteggio che punirebbe gli ospiti. Così i Quins riprendono coraggio e per la prima volta nella ripresa si rendono pericolosi al 68’ con i padroni di casa che tornano sulla piazzola per il +11. Treviso cerca disperatamente i punti per riaprire il match o portare a casa almeno il meritato bonus. Ma il bonus non arriva e la Benetton ha troppo da recriminare.

HARLEQUINS – BENETTON TREVISO 20-9

Sabato 15 dicembre, ore 15.00 – Twickenham Stoop, Londra
Harlequins: 15 Aaron Morris, 14 Cadan Murley, 13 Joe Marchant, 12 Francis Saili, 11 Gabriel Ibitoye, 10 James Lang, 9 Charlie Mulchrone, 8 James Chisholm, 7 Semi Kunatani, 6 Mat Luamanu, 5 George Merrick, 4 Ben Glynn, 3 Will Collier, 2 Dave Ward, 1 Lewis Boyce
In panchina: 16 Elia Elia, 17 Nick Auterac, 18 Kyle Sinckler, 19 Renaldo Bothma, 20 Luke Wallace, 21 Niall Saunders, 22 Marcus Smith, 23 Alofa Alofa
Benetton: 15 Jayden Hayward, 14 Luca Sperandio, 13 Marco Zanon, 12 Luca Morisi, 11 Monty Ioane, 10 Ian McKinley, 9 Tito Tebaldi, 8 Abraham Steyn, 7 Sebastian Negri, 6 Giovanni Pettinelli, 5 Dean Budd, 4 Marco Fuser, 3 Simone Ferrari, 2 Hame Faiva, 1 Nicola Quaglio
In panchina: 16 Engjel Makelara, 17 Cherif Traore, 18 Marco Riccioni, 19 Federico Ruzza, 20 Alessandro Zanni, 21 Alberto Sgarbi, 22 Dewaldt Duvenage, 23 Angelo Esposito
Arbitro: Pierre Brousset
Marcatori: 7’ m. Boyce tr. Lang, 13’ cp. McKinley, 20’ cp. McKinley, 24’ m. Marchant tr. Lang, 34’ cp. McKinley, 40’ cp. Lang, 69’ cp. Smith

Un commento su “Challenge Cup: Treviso spreca tutto a Londra

  1. Peccato, in campo ho visto tanto equilibrio, se non superiorità da parte Treviso, però quei calci in touche non hanno denotano lucidità da parte dei veneti. L’obiettivo minimo del bonus difensivo bisognava raggiungerlo rimanendo attaccati nel punteggio, per poi tentare eventualmente un finale a sorpresa. Comunque sono soddisfatto del livello della squadra, bravi lo stesso.

Rispondi